Processo a carico di due petrosileni, ascoltato il primo testimone

Gaspare De Blasi

Processo a carico di due petrosileni, ascoltato il primo testimone

Condividi su:

venerdì 14 Febbraio 2020 - 09:48
Processo a carico di due petrosileni, ascoltato il primo testimone

E’ proseguito davanti al giudice monocratico Iole Moricca, il processo a carico di due cittadini petrosileni.

I soggetti accusati, due fratelli Francesco e Giampiero Lombardino rispettivamente di 34 e 32 anni, devono rispondere di furto aggravato ed indebito utilizzo di carta di credito/bancomat.

I fatti si riferiscono al 20 agosto 2018. I due, in concorso fra di loro, sono accusati di essersi impossessati, nei pressi del parcheggio del supermercato Conad Mega Market di via Pietro Nenni a Petrosino dove Francesco lavorava con la mansione di addetto alla frutta e verdura, di un portafoglio di Gabriele Vita che si è costituita parte civile assistita dall’ avvocato Antonella Milazzo.

I due l’avrebbero sottratto dall’auto in sosta di proprietà della stessa che si trovava nel parcheggio. Nel portafoglio c’erano, oltre ai documenti personali, anche 900 euro in contanti. Per sottrarre il portafoglio gli autori avrebbero danneggiato la chiusura della vettura. Secondo l’accusa avrebbero poi, in due giorni successivi, prelevato con il bancomat la somma complessiva di 500 euro in due istituti di credito di Petrosino e Marsala. I due fratelli sono assistiti dall’avvocato Vito Cimiotta.

Ieri è stato sentito il primo teste prodotto dalla difesa. L’appuntato dei carabinieri Daidone. Il teste ha riferito che sugli accertamenti fatti e sulle immagini della telecamera di video sorveglianza relativi alla filiale bancaria in cui ci sarebbero stati i prelievi abusivi della somme, è stato riconosciuto soltanto un imputato. Mentre l’altro non è stato riconosciuto. A detta del carabiniere ad effettuare il prelevamento sarebbe stato soltanto un soggetto. Mentre un altro non sarebbe stato riconosciuto. L’udienza è stata poi aggiornata al prossimo 17 febbraio.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta