Denise Pipitone, nuovo appello dell’avvocato Frazzitta alla comunità di Mazara: “Si aprano le menti”

redazione

Denise Pipitone, nuovo appello dell’avvocato Frazzitta alla comunità di Mazara: “Si aprano le menti”

Condividi su:

martedì 27 Aprile 2021 - 07:00

Non trova finora riscontro la notizia, circolata qualche giorno fa, di una riapertura delle indagini da parte della Procura di Marsala in merito al rapimento della piccola Denise Pipitone. Ad affermarlo è l’avvocato Giacomo Frazzitta, legale di parte civile della famiglia. “A noi non risulta che le indagini siano state riaperte – afferma l’avvocato marsalese – tuttavia non è previsto che si dia una comunicazione in tal senso. Staremo a vedere…”. Frazzitta lancia poi un nuovo appello alla comunità mazarese, affinchè le persone informate sui fatti possano contribuire a ricostruire i fatti e, magari, a consentire che Piera Maggio possa riabbracciare la figlia Denise dopo oltre 17 anni. “La cosa che ci interessa di più in questo momento è che si aprano le menti e che chi sa parli, visto che tutta Italia lo desidererebbe”. Il momento sembra propizio, visto anche il rinnovato interesse mediatico sulla vicenda, a testimonianza di come le sorti della ragazza e della sua famiglia siano seguite con sincera partecipazione dall’opinione pubblica dell’intero Paese, che non ha mai smesso di coltivare la speranza di un lieto fine. Tuttavia, la coltre di silenzio che da troppo tempo avvolge questa dolorosa vicenda continua a prevalere.

Nel frattempo, è stato avviato l’iter per l’istituzione di una Commissione parlamentare d’inchiesta sul rapimento di Denise Pipitone. A preannunciarlo è stata la deputata Alessia Morani del Partito Democratico, che nel corso della trasmissione televisiva “Ore 14”, in onda su Rai Due, ha affermato: “Mi ha colpito l’enormità di errori che sono stati fatti più volontari che involontari, mi ha colpito il numero di magistrati che si sono succeduti, mi ha colpito la mancanza di approfondimento su alcune prove chiave. Oggi è ora di fare chiarezza”.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta