Mezzapelle: “Il circolo online del Pd in costante conflitto con la mia segreteria”

vincenzofiglioli

Mezzapelle: “Il circolo online del Pd in costante conflitto con la mia segreteria”

Condividi su:

giovedì 14 Ottobre 2021 - 06:30

“Hanno ostacolato il nostro lavoro per la città”. Non intende arretrare di un passo l’ex segretaria del Pd di Marsala Rosalba Mezzapelle rispetto ai contenuti del comunicato con cui la scorsa settimana ha annunciato le proprie dimissioni e che sono stati contestati dalla segretaria del circolo online “Nilde Iotti”, Linda Licari, intervistata dalla nostra redazione.

In base a cosa sostiene che la sua gestione del partito è stata ostacolata?

Potrei raccontare diversi episodi a riguardo. Ha presente quando lo scorso anno c’è stato un vile gesto ai danni del locale Morsi & Sorsi? Ho scritto a tutti per andare assieme a mostrare la solidarietà del partito. Arrivo e mi trovo Linda Licari e il suo gruppo, che si sono presentati separatamente. Un’altra situazione simile è avvenuta quando abbiamo organizzato l’iniziativa “Raccolta in circolo”.

Lei dice che l’inizio della fine è dovuto alla nascita del circolo online. Ma un’altra proposta non dovrebbe piuttosto rafforzare la presenza dei valori democratici sul territorio?

Ben vengano i circoli on line, ma per statuto la loro funzione dovrebbe essere ad adiuvandum e comunque dovrebbero occuparsi più di temi nazionali. Non dovrebbero porsi in conflitto con il circolo territoriale, come invece è avvenuto. Il Pd sul territorio deve parlare con una sola voce. Nella mia idea di partito, ci si confronta in direzione e poi si assume una posizione unitaria. Le regole servono, altrimenti si va a briglie sciolte.

Nonostante alcuni dissensi, come ricordato da Linda Licari, lei diceva di poter comunque contare su una maggioranza schiacciante in direzione. Perchè lasciare, allora?

E’ vero, in direzione avevo una maggioranza schiacciante. Ma per lavorare a progetti concreti, una cosa sono i numeri, un’altra la condivisione. Ho cercato di realizzare un percorso comune, di coinvolgere tutti, più volte ho cercato di contattare Linda Licari per incontrarci. A un certo punto Filippo Piccione e Nenè Di Girolamo, si erano sentiti per capire come procedere per favorire un percorso unitario. In quest’ottica è stata convocato il 27 agosto una riunione informale in cui Agostino Licari è tornato a chiedere le dimissioni della segretaria e un iscritto al circolo on line ha chiesto la convocazione della direzione. L’indomani sui giornali è stata pubblicata una nota di Filippo Piccione che esaltava il circolo on line denigrando il circolo territoriale del Pd. Di fronte a tutti questi conflitti interni non potevo che prendere atto dell’impossibilità di continuare a lavorare. Non ci sono altri motivi alla base delle mie dimissioni. Ma chiarisco che nessuno ha trovato porte chiuse. Piuttosto, le abbiamo spalancate.

Come mai non si è riusciti a fare la certificazione dei nuovi tesserati?

E’ una questione che non spettava a me.

Alla nostra redazione Linda Licari ha detto che è tempo di riprendere il dialogo con tutto il fronte progressista. Che ne pensa?

Trovo discutibile che chi ha contribuito a creare spaccature adesso venga a farci la morale. Si è fatto di tutto per superare i contrasti, ma i tentativi non hanno sortito effetti. Adesso serve un soggetto terzo alla guida del partito, capace di intercettare i bisogni della città.

Dopo le scorse amministrative disse che non era stato facile rimettere in piedi un partito che veniva da un commissariamento. Non c’è il rischio che una nuova gestione commissariale indebolisca ulteriormente il Pd marsalese in vista delle regionali?

Quest’argomento non è più di mia competenza. Tocca ai livelli superiori intervenire.

E’ vero che, quando fu eletta segretaria, c’era un accordo per dare a Linda Licari la carica di vicesegretaria?

Non lo so, non ne sono a conoscenza.

E come mai la segreteria è stata nominata dopo quasi un anno dal suo insediamento?

Prima c’erano le amministrative. E, comunque, la nomina della segreteria è un lavoro che necessita un certo tempo.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta