Pantelleria, le ultime notizie sulla tragedia che ha colpito l’isola. Il racconto dei superstiti

redazione

Pantelleria, le ultime notizie sulla tragedia che ha colpito l’isola. Il racconto dei superstiti

Condividi su:

sabato 11 Settembre 2021 - 09:08

Sono proseguite tutta la notte le operazioni di ricerca e sistemazione della strada colpita da uan gtrompa d’aria a Pantelleria nel tardo pomeriggio di ieri 10 settembre.

Hanno partecipato volontari del gruppo comunale di Pantelleria, insieme ai vigili del fuoco che hanno lavorato senza sosta per liberare l’asfalto da alberi, cavi elettrici e pali della luce divelti.

Ieri sera le operazioni per tirare fuori una delle sei macchine catapultate dalla tromba d’aria e finite con violenza dentro uno dei dammusi colpiti.

Due vittime, Giovanni Errera, 47 anni, vigile del fuoco, e Francesco Valenza, 86 anni, pensionato.

Infermieri e personale medico prestano i soccorsi ai dieci feriti trasportati all’ospedale Nagar di Pantelleria, di cui quattro in gravi condizioni. “Se io e mia moglie siamo salvi, lo dobbiamo alle cinture di sicurezza che indossavamo – dice attraverso i social Domenico Caluori, 73 anni, medico romano in pensione in vacanza sull’isola insieme alla moglie – tornavamo da un bagno al Lago di Venere, quando ci siamo trovati davanti alla tromba d’aria. La macchina si è sollevata per qualche secondo, poi è caduta dal retro su massi di pietra lavica su di un pianoro. Siamo salvi perché ci trovavamo a margine del vortice”. I due coniugi, soccorsi in ospedale, hanno riportato solo lievi traumi alla testa, ematomi ed escoriazioni alle braccia.

“Ho cominciato a vedere grosse pietre venire verso di me in aria – racconta un testimone – ho cercato riparo insieme a una macchina della Guardia forestale dentro un parcheggio lungo la strada. Tutto attorno solo massi che volavano. Ho mantenuto la calma e mi sono coricato con la testa sotto il cruscotto dal lato passeggero. La macchina è stata spostata fino a poggiare al fianco di un muro. È stata la mia salvezza”. Il suo amico Giovanni, si trovava a un chilometro più avanti. Lui dentro la sua macchina, una Jeep scura, non ce l’ha fatta.

Intanto l’isola stamattina è bagnata da poca pioggia e illuminata da schiarite di lampi in cielo.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta