Coltivava marijuana in una serra a Salemi, giovane marsalese denunciato

redazione

Coltivava marijuana in una serra a Salemi, giovane marsalese denunciato

Condividi su:

venerdì 23 Luglio 2021 - 12:31

Una serra sperimentale per la coltivazione di marijuana occultata all’interno di un fabbricato rurale ermeticamente chiuso è stata individuata e posta sotto sequestro nell’agro di Salemi dalle Fiamme Gialle del Comando provinciale di Trapani.

Ad insospettire i finanzieri era stato un impianto di videosorveglianza posto all’esterno dell’immobile, tecnologicamente troppo avanzato rispetto allo stato di degrado del fabbricato; oltretutto tale impianto era alimentato da un allaccio abusivo collocato sulla linea elettrica a poca distanza dal luogo. Gli immediati accertamenti sulla proprietà del fabbricato rurale, che risultava catastalmente intestato a persona deceduta, hanno permesso di risalire ad un giovane marsalese di 22 anni, G.G.B., nullatenente gravato da alcuni precedenti di polizia. In breve tempo l’uomo è stato rintracciato a Marsala dai finanzieri e ricondotto a Salemi per la ricognizione del luogo sottoposto a perquisizione: una serra dotata dei più moderni impianti di irrigazione, condizionamento ed irraggiamento per la coltivazione di piante indoor, contenente oltre 150 vasi di terriccio. In ognuno dei vasi era presente la radice della pianta già estirpata, mentre una sessantina di ulteriori piantine più piccole era ancora in fase di crescita. Imponente è risultata anche la dotazione di terriccio e fertilizzante (13 taniche da 5 litri, riposte alla rinfusa senza alcuna cautela).

I militari hanno inoltre richiesto l’intervento di personale idoneo dell’Enel per rimuovere l’allaccio abusivo, realizzato in modo professionale con materiale anch’esso sottratto alla rete elettrica pubblica. L’ammontare del furto dell’energia elettrica è stato stimato in oltre 150.000 euro. Le operazioni di perquisizione, estese al domicilio abituale del giovane marsalese, hanno consentito di rinvenire ulteriori semi di cannabis e foglie essiccate di marijuana.

D’intesa con l’autorità giudiziaria di Marsala, il soggetto perquisito è stato denunciato a piede libero per il reato di coltivazione di sostanze stupefacenti e furto aggravato, mentre tutte le attrezzature, l’impiantistica ed il fabbricato rurale adibito a serra sono stati sottoposti a sequestro d’iniziativa, successivamente convalidato. Un investimento tanto imponente presupponeva un corrispondente ritorno economico garantito da una folta schiera di consumatori locali, a cui l’esame delle registrazioni dell’impianto di videosorveglianza potrebbe dare, nei prossimi giorni, una precisa identità.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta