Esposto alla Procura F.I.G.C. del Marsala Futsal, presunto illecito sportivo

redazione

Esposto alla Procura F.I.G.C. del Marsala Futsal, presunto illecito sportivo

Condividi su:

giovedì 10 Giugno 2021 - 11:55

Il Marsala Futsal ha avanzato la proposta di esposto alla Procura Federale della F.I.G.C., in merito a quanto accaduto sabato scorso nella gara di play off di serie C1 di Calcio a 5 tra Palermo Futsal Eyghtininers e San Vito lo Capo. E’ arrivata anche la conferma dall’ufficio del Presidente del Comitato Regionale della L.N.D. Sicilia, Sandro Morgana, della avvenuta trasmissione della nota alla Procura Federale. Oggetto dell’esposto è il presunto illecito sportivo per la combinazione del risultato della gara in questione e l’inizio della stessa non in contemporanea a quella che il Marsala Futsal stava disputando contro il Real Termini. Proprio questo inspiegabile ritardo di quasi dieci minuti con il quale è iniziata la gara, tra Palermo Futsal Eyghtininers e San Vito, ha consentito di conoscere loro il risultato finale della squadra lilybetana e da lì la straordinaria rimonta del San Vito che senza particolare sofferenza, ha ribaltato il 5 a 2 fino ad imporsi 5 a 8, eliminando così il Marsala dalla competizione e posizionandosi in testa al gruppo 1 dei play off per una migliore differenza reti. “Per correttezza e sportività – dice il presidente del Marsala, Paolo Tumbarello – abbiamo mosso l’esposto alla Procura Federale come atto dovuto per noi e per il Futsal. Non possiamo cedere e tacere a certe azioni che fanno male e offendono chi come noi crede nello sport sano, promuovendolo ai giovani ai quali bisogna dare sempre dimostrazione di lealtà. L’atto vergognoso della combine del risultato a qualsiasi livello è tra le offese più grandi che possa ricevere qualsiasi sportivo e/o squadra leale. In quasi dieci anni di storia abbiamo accettato con compostezza e senza disturbare qualsiasi batosta subita in campo ma stavolta non possiamo proprio permettere che tutto venga messo a tacere. Crediamo in ciò che facciamo e meritiamo rispetto”.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta