Favignana: poliziotti penitenziari salvano tre persone da un incendio in abitazione

redazione

Favignana: poliziotti penitenziari salvano tre persone da un incendio in abitazione

Condividi su:

lunedì 02 Novembre 2020 - 17:10
Favignana: poliziotti penitenziari salvano tre persone da un incendio in abitazione

“Siamo grati di avere colleghi che ancora una ancora una volta confermano che il presidio della Polizia Penitenziaria del carcere di Favignana è anche a  salvaguardia della popolazione”. Con queste parole Gioacchino Veneziano Segretario Generale della UILPA Polizia Penitenziaria, commenta l’operazione di salvataggio di tre persone vittime di un incendio in una abitazione privata nei pressi del vecchio carcere San Giacomo di Favignana da parte di quattro operatori della Polizia Penitenziaria in servizio al carcere “Giuseppe Barraco” di Favignana.

Gioacchino Veneziano

“Ieri sera dopo le 21 – dichiara Veneziano – un drappello di 4 colleghi della Polizia Penitenziaria liberi dal servizio sentivano una odore acre di bruciato proveniente dall’esterno della caserma del carcere, e subito  si precipitavano in mezzo la strada per capire da dove provenisse questo cattivo odore, ipotizzando che lo stesso potesse provenire dal carcere, ed invece c’era un incendio in un appartamento adiacente il penitenziario”.

I poliziotti penitenziari, dotati di estintori di pertinenza del carcere, hanno fatto uscire le tre persone rimaste all’interno della casa, di cui una ha perso i sensi ed hanno spento le fiamme. La persona anziana che era svenuta è stata portata nella locale Guardia Medica.

“Ulteriore dimostrazione che la Polizia Penitenziaria non opera solo dentro il carcere – chiosa il sindacalista UILPA – ma quando necessario è in grado di  mettersi a disposizione dei cittadini; siamo certi che il Capo del Dipartimento Presidente Bernando Petralia, il  Provveditore Cinzia Calandrino  e anche il sindaco della comunità Egusea Francesco Forgione, trasmetteranno gli attestati di ringraziamento a questi uomini che si sono distinti in questa situazione di pericolo”.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta