A Marsala compare un’altra scritta: no Floyd no party

redazione

A Marsala compare un’altra scritta: no Floyd no party

Condividi su:

lunedì 15 Giugno 2020 - 18:41

La morte di George Floyd ha scosso il mondo intero. L’uomo, un afroamericano, è rimasto ucciso dopo essere stato arrestato da un agente di polizia che ha tenuto il ginocchio per diversi minuti, pressato al collo di Floyd.

Un fatto che non ha scosso solo l’America, dove da giorni si registrano iniziative contro il razzismo e le violenze delle forze dell’ordine. Ma qualcuno, sulla scia della scritta contro la Ministra Bellanova, ne ha realizzata una con lo spray in un altro muro del centro storico di Marsala, tra la via Frisella e la via Cammareri Scurti: “No Floyd no party”.

E’ ora che chi commette questi atti vandalici e ingiuriosi paghi.

Queste le prime dichiarazioni di Pino Nilo, presidente dell’Anpi: “Non sono ratti. Sono zombie. Adorano feticci di morte. Sono dei folli potenziali criminali. All’amministrazione comunale tocca il compito di pulire. Alle forze dell’ordine controllare perché sono sicuro che sanno chi sono. Presto avrò un incontro con il prefetto. Ora basta”.

Condividi su:

Un commento

  1. L’a.c. può vigilare ripristinando coppie di vv.uu. a piedi in giro per la città e segnalare questi obbrobri. Certo non si possono installare videocamere !!! E nemmeno fare volare mille droni!!! Ma il minimo di può fare. Giuseppe Nilo presidente ANPI Marsala

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta