Marsala: raccolta olio esausto, posizionato il primo contenitore in Piazza Pizzo

redazione

Marsala: raccolta olio esausto, posizionato il primo contenitore in Piazza Pizzo

Condividi su:

lunedì 24 Febbraio 2020 - 16:32
Marsala: raccolta olio esausto, posizionato il primo contenitore in Piazza Pizzo

I Fratelli della Costa della Tavola di Mozia, con il patrocinio del Comune di Marsala, hanno posizionato ieri, in piazza Francesco Pizzo, davanti al Poliambulatorio ex Inam, il primo di una serie di contenitori per la raccolta dell’olio esausto. I Fratelli della Costa, presenti con il luogotenente Sonia Luisi e gli esponenti Pietro Pellegrino, Davide Del Puglia e Manù Renaux, erano presenti all’inaugurazione del servizio per la collettività assieme a rappresentanti dell’Amministrazione comunale, il vice sindaco Agostino Licari, la Consigliera comunale Linda Licari, e della ditta Ecologica Italiana, rappresentata da Fausto Curcurù.

“Abbiamo posizionato questo contenitore per gli oli esausti e altri ne collocheremo a Marsala – affermano Sonia Luisi e Agostino Licari – perchè l’olio vegetale di provenienza domestica (olio di frittura, olio di conservazione degli alimenti, olio dl conserve, olio del tonno in scatola), dopo l’uso in cucina costituisce una minaccia per l’ambiente: per questo è necessario smaltirlo correttamente”.

I marsalesi potranno conferiranno l’olio in bottiglie di plastica nei contenitori ubicati in piazza Pizzo, in zona Stadio, a Piazza Caprera, in via Falcone (zona Sappusi), piazza del Popolo, Lido Signorino, corso Gramsci e viale Isonzo; poi l’olio sarà ritirato gratuitamente dalla Ecologica ltaliana, azienda che riuscirà a trasformarlo da possibile danno ambientale a preziose risorse utili alla collettività: saponi, materiale per edilizia, nuova energia come il biodiesel, un biocarburante non fossile e poco inquinante. “Proseguiamo, con lo smaltimento degli oli esausti, la nostra politica di tutela dell’ambiente”, ha detto infine il vice sindaco. Va ricordato che gli oli esausti sono dannosi per il sottosuolo, soprattutto per la flora, la fauna e l’ambiente marino.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta