Sel chiede le dimissioni del sindaco Sebastiano Bonventre

Vincenzo Figlioli

Sel chiede le dimissioni del sindaco Sebastiano Bonventre

Condividi su:

martedì 24 Giugno 2014 - 11:34

Anche Sinistra Ecologia e Libertà chiede le dimissioni immediate del sindaco di Alcamo Sebastiano Bonventre. Con una nota a firma dei dirigenti Massimo Candela, Valentina Colli e Angelo Alonzo, Sel spinge per un dibattito politico alla luce della decisione del Cga di ricontare le schede delle ultime amministrative alcamesi, che sancirono l’elezione di Bonventre per un manciata di voti.

“Le ombre di questa vicenda – si legge nella nota – si allungano sulla questione Ato “Terra dei  Fenici” e sull’Aimeri, sia come sacche clientelari, ma anche come obiettivo per cui fosse necessario venisse rieletta nel 2012 una amministrazione connivente, per gestire artatamente tutti i passaggi a norma di legge, ma col fine ultimo di creare una rete che si foraggiasse coi fondi della Regione e senza in realtà produrre nulla, con consulenze di esperti esterni incaricati direttamente da Sindaco e Assessori”.

Una vicenda che, come noto, coinvolge in prima persona anche il senatore Nino Papania, rinviato a giudizio per voto di scambio. “Chiediamo – scrivono ancora Candela, Colli e Alonzo – che la politica prenda una posizione netta sul fatto che, come espresso dal Cga e come si evince dal procedimento in corso in carico alla Procura di Trapani, tutto venisse gestito da Nino Papania: dalla candidatura a sindaco, alla composizione delle liste, alla nomina della giunta. Come dirigenti di Sinistra Ecologia e Libertà ci prendiamo carico di invitare tutte le forze politiche a chiedere immediate dimissioni del sindaco Bonventre, perchè non basta aver dichiarato ‘impresentabile’ Papania, ma occorre che tutto il sistema coinvolto – che è impensabile possa essere stato nominato ‘a sua insaputa’, ma se cosí fosse ancor piú necessaria una loro richiesta di dimissioni –  venga condannato politicamente. È un atto dovuto verso una cittadinanza truffata e come ammenda di una politica che riconosce i propri errori e si impegna, da subito, a proseguire la propria azione nel solco della legalità”.

Sinistra ecologia e libertà ha fatto parte della coalizione che alle ultime amministrative aveva candidato proprio Bonventre, venendo anche rappresentata in giunta da Massimo Fundarò. Quest’ultimo però lasciò il proprio incarico dopo circa un anno per ragioni “personali e politiche” e Sel si è di fatto tirata fuori dalla coalizione a sostegno di Bonventre.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta