Qualità della vita anziani, Trapani 87ª per Il Sole 24 Ore. Uil: “Numeri negativi servano però da stimolo”

redazione

Qualità della vita anziani, Trapani 87ª per Il Sole 24 Ore. Uil: “Numeri negativi servano però da stimolo”

Condividi su:

martedì 07 Giugno 2022 - 11:55

“La popolazione over 65 in provincia di Trapani rappresenta oltre il 24 per cento della popolazione totale, un numero in crescita peraltro, e i servizi dedicati a questa fascia d’età non sono sufficienti a garantire una qualità della vita abbastanza buona per i nostri anziani, tanto che nella classifica appena pubblicata dal quotidiano Il Sole 24 ore la nostra provincia è 87esima su 107 posizioni. Bisogna migliorare le politiche in favore di questa fascia di persone, con iniziative che permettano di vivere più serenamente e agevolmente questa parte di vita”. 

Eugenio Tumbarello

Ad affermarlo è il segretario generale della Uil Pensionati Trapani Eugenio Tumbarello, commentando l’indagine dell’Ufficio studi e analisi del Sole24Ore presentata in occasione del Festival dell’economia di Trento.

Lo studio, basato su parametri statistici forniti da Istat, Miur, centro studi Tagliacarne e Iqvia, intende raccontare la qualità della vita degli over 65 attraverso 12 indicatori selezionati per misurare alcuni aspetti che ne influenzano la vita.

Eccoli nel dettaglio: Speranza di vita a 65 anni, 92esimo posto; Esposti a inquinamento acustico, 8° posto; Biblioteche, 101esimo posto; assistenza domiciliare, 57esimo posto; Orti urbani, 100esimo posto; Trasporto anziani e disabili, 48esimo posto; Indice di dipendenza degli anziani, 42esimo posto; Infermieri, 26esimo posto; Geriatri, 77esimo posto; consumo di farmaci per malattie croniche, 86esimno posto; Consumo di farmaci per depressione, 24esimo posto; Medici specialisti, 101esimo posto.

“Quello che emerge è un quadro desolante – aggiunge Tumbarello – se si pensa che la situazione non è rosea neppure per le altre generazioni prese in considerazione dallo studio del quotidiano economico. Per quel che riguarda la qualità della vita dei giovani, infatti, Trapani è all’83esimo posto, per i bambini addirittura peggio, 98esimo. Il mio augurio è che non ci si fermi ai numeri, ma che questi servano ai nostri governanti e amministratori come stimolo a fare meglio, a offrire servizi che possano permettere uno stile di vita migliore alla popolazione tutta di questa nostra provincia, che non merita di essere il fanalino di coda delle provincie italiane”. 

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta