Pantelleria: un data base con le disponibilità ad accogliere i profughi ucraini

redazione

Pantelleria: un data base con le disponibilità ad accogliere i profughi ucraini

Condividi su:

Monday 21 March 2022 - 13:26

Sono giunti in Italia già più di 13.000 profughi ucraini, parte dei quali già in attesa di smistamento a Palermo e in Sicilia, grazie alla Caritas e alle ONG. La Protezione Civile Nazionale, in collaborazione con le Regioni, le Prefetture, le ETS e i Comuni stanno organizzando l’accoglienza a livello locale, su incarico del Governo.

In attesa di ulteriori informazioni da parte della Regione Siciliana, a Pantelleria, l’Assessorato ai Servizi Sociali e la Protezione Civile stanno lavorando, in accordo con la Prefettura e l’ANCI, per poter avere a disposizione una banca dati verificata di chi è disponibile ad accogliere adulti, bambini e forse qualche animale domestico.

A chi, in questi giorni, ha palesato interesse ad ospitare, chiediamo di recarsi presso gli uffici della Protezione Civile, al Piano Terra del Comune, il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 16 alle 18 per compilare il modulo che attesta la disponibilità all’accoglienza.

Il servizio sarà disponibile a partire da mercoledì 23 marzo e potrà rispondere a tutte le informazioni necessarie per poter ospitare.

Potranno registrarsi sia i singoli cittadini che gli ETS locali (Enti del Terzo Settore – Associazioni), mettendo a disposizione uno o più posti in famiglia o interi appartamenti/case.

Si potrà dare disponibilità anche per la donazione, dopo gli arrivi, di vestiario, giocattoli, medicine, generi alimentari, ecc.

Se qualcuno si fosse già registrato alla banca dati dell’ANCI Sicilia, dovrà comunque registrarsi di nuovo a quella comunale, per problemi di organizzazione ancora in corso a livello regionale.

Tutti i soggetti che daranno disponibilità ad accogliere minori, anche se accompagnati, saranno sottoposti a verifica da parte dei Servizi Sociali del Comune a tutela degli stessi minori.

Quanti avranno dato disponibilità e verificati, saranno poi contattati al momento dell’arrivo dei profughi.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Commenta