Erice: gli auguri e la prudenza della sindaca. Il 27 l’evento “Grazie sanitari”

redazione

Erice: gli auguri e la prudenza della sindaca. Il 27 l’evento “Grazie sanitari”

Condividi su:

venerdì 24 Dicembre 2021 - 13:54

Erice: gli auguri e la prudenza della sindaca. Il 27 l’evento “Grazie sanitari”. Un invito alla cittadinanza al rispetto delle regole, ma anche alla vaccinazione: è questo, in sintesi, il messaggio che la sindaca di Erice manda agli ericini in vista delle festività natalizie.

“Aumento di casi, non abbassate la soglia di attenzione”

«Stiamo assistendo in questi giorni ad un progressivo aumento dei contagi da virus Covid-19 in tutto il Paese ed il nostro territorio non fa purtroppo eccezione. Per questo motivo, in vista delle festività natalizie, rivolgo innanzitutto l’invito a tutti voi a non abbassare la soglia dell’attenzione e, anzi, a restare sempre vigili rispettando tutte le disposizioni per il contenimento del contagio. Controlliamo la nostra salute, indossiamo la mascherina, evitiamo gli assembramenti, manteniamo il più possibile la regola del distanziamento sociale. Invito infine i più scettici ad effettuare la vaccinazione quanto prima e chi invece si è già vaccinato a sottoporsi ai richiami consigliati dalle autorità sanitarie».

Daniela Toscano

La sindaca Toscano augura un buon natale a tutti gli ericini

Poi lascia un messaggio di auguri di Natale ai suoi concittadini:

Care e Cari ericini,

desidero innanzitutto porgere a ciascuno di Voi i miei personali auguri e quelli dell’Amministrazione comunale che ho l’onore di guidare, sia per le festività natalizie che per il nuovo anno che ci attende.

Il 2021 sta infatti per volgere al termine. È stato un anno segnato dalla parola “speranza” seppur difficile, travagliato e segnato da un’emergenza pandemica drammatica, oltre che, purtroppo, da lutti e sofferenze sia fisiche che morali: ci sentivamo forti, invincibili, ed invece abbiamo scoperto di essere improvvisamente fragili. Ma sono state tante anche le sofferenze economiche e sociali: penso a chi, magari già in grave situazione di indigenza, ha dovuto affrontare ulteriori, difficili, ostacoli e sacrifici. Tutto ciò mi rattrista e ci rattrista. E ci deve far riflettere.

Ma io ritengo che in tutte le situazioni più complicate sia importante individuare gli aspetti più costruttivi. Penso dunque all’unione sincera che si è venuta a creare tra tutti noi. Penso allo spirito di solidarietà che ha caratterizzato e sta ancora caratterizzando questo triste periodo. Penso alla capacità mostrata dalla stragrande maggioranza di noi di saper rispettare le disposizioni governative che hanno rappresentato e rappresentano un modo per rispettare non solo se stessi, ma anche gli altri. Tutto ciò per me è il simbolo della speranza, un vero e proprio sguardo verso il futuro che ci auguriamo tutti sia migliore del presente.

Di sicuro sono cambiate le nostre abitudini, la nostra quotidianità. Siamo chiamati a mantenere ancora le distanze e a continuare ad indossare le mascherine, servendoci del buon senso e della responsabilità, ma possiamo guardarci negli occhi: sono loro a manifestare le nostre emozioni. Anche questa è speranza. Come è speranza il vaccino, un aspetto sulla cui importanza, direi anzi necessità, invito tutti a riflettere, perché rappresenta davvero il germe della rinascita, un simbolo della fiducia nella scienza a cui tutti noi dovremmo affidarci.

Permettetemi di ringraziare pubblicamente i nostri uffici comunali che, oltre a garantire servizi ordinari di pubblica utilità pur con tutte le difficoltà del caso, hanno dato un prezioso contributo “straordinario” in altri ambiti, dando seguito al programma di governo che consta non soltanto di attenzione all’ordinarietà ma anche di un attento e straordinario lavoro in termini di finanziamenti e progettazione che guardi il più possibile al futuro. Tante saranno le novità nel 2022, in termini di nuove opere e miglioramento dei servizi al cittadino. Le scopriremo insieme.

In chiusura, il mio augurio è che tutto possa tornare alla normalità prima possibile. Che il nuovo anno possa regalarci la serenità di cui abbiamo tanto bisogno. Che possa restituirci le nostre vite e la possibilità di tornare ad abbracciarci senza timori. Che possa farci riflettere sull’importanza del senso di comunità e solidarietà e sul senso della famiglia, col calore delle nostre tradizioni ed il grande cuore che ci caratterizza, affinché mai nessuno possa sentirsi solo. Che nel 2022 torni a splendere la luce sul mondo intero, rinsaldando in tutti noi l’orgoglio di sentirci ericini.

Con i migliori auguri dell’intera Amministrazione comunale. Buon Natale e buon anno a tutti Voi”.

Targhe al personale sanitario impegnato nella lotta contro il Covid

Lunedì 27 dicembre 2021, alle ore 18, nell’auditorium dell’I.C. Pagoto di via Tivoli, si terrà l’evento “Grazie…sanitari”. L’Amministrazione comunale ericina consegnerà delle targhe alle unità operative del presidio ospedaliero Sant’Antonio Abate di Trapani. Inoltre saranno consegnati riconoscimenti a rappresentanti dell’Asp di Trapani.

Nell’ambito dell’evento alcune associazioni di volontariato del territorio conferiranno targhe di riconoscimento alla Protezione civile comunale, all’Ordine dei Medici, all’Ordine degli Infermieri e all’Ordine Professionale Ostetriche.

«Abbiamo ritenuto necessario organizzare un evento durante il quale, a nome della cittadinanza, consegneremo dei riconoscimenti al personale sanitario del nostro presidio ospedaliero “Sant’Antonio Abate” e dell’Asp di Trapani – commentano la sindaca Daniela Toscano e l’assessora Carmela Daidone -. Riconoscimenti doverosi, simboli di gratitudine, nei confronti di chi è stato sul campo quotidianamente, soprattutto nella fase più acuta e nei momenti più drammatici, e tuttora si prodiga a fronteggiare l’emergenza pandemica fino allo sforzo più recente per la campagna vaccinale. Non possiamo inoltre non considerare il fatto che i nostri sanitari sono stati e continuano ad essere un punto di riferimento per la popolazione con spirito di abnegazione, umanità, senso del dovere e competenza professionale nel prestare assistenza alla cittadinanza, garantendo al contempo servizi sanitari efficienti alla nostra comunità. È un abbraccio simbolico carico di riconoscenza».

La sindaca ed il presidente del Consiglio comunale, Luigi Nacci, hanno ricevuto nella sala giunta degli uffici comunali di contrada Rigaletta i rappresentanti dell’associazione culturale God Tre Mari Trapani. L’associazione, infatti, nei giorni scorsi aveva comunicato l’intenzione di voler donare buoni spesa solidali per un valore totale di 500 euro alle famiglie indigenti del territorio ericino regolarmente iscritte negli elenchi dei Servizi Sociali del Comune di Erice.

«Ringraziamo God Tre Mari Trapani per la sensibilità mostrata nei confronti dei nostri concittadini che versano in condizioni di disagio economico – commentano la sindaca Toscano ed il presidente Nacci -. Si tratta di un gesto simbolico ma comunque concreto che contribuirà ad alleviare le difficoltà di qualche famiglia, in occasione delle festività natalizie e di fine anno. Ringraziando ancora una volta l’associazione, invitiamo tutti coloro i quali volessero dare una mano di aiuto ai nostri concittadini che necessitano di supporto a contattare il settore dei servizi sociali».

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta