Ospedale di Marsala: dal 10 giugno riparte l’attività ordinaria

redazione

Ospedale di Marsala: dal 10 giugno riparte l’attività ordinaria

Condividi su:

mercoledì 26 Maggio 2021 - 20:16

La situazione sanitaria della provincia di Trapani e le problematiche legate all’ospedale di Marsala nell’ambito di una riprogrammazione provinciale sono stati gli argomenti affrontati nel corso della conferenza dei sindaci del territorio, tenutasi alla presenza del commissario straordinario dell’Asp Paolo Zappalà.

L’incontro era stato preannunciato nei giorni scorsi, dopo le ripetute prese di posizione del massimo consesso civico di Marsala, che ha anche occupato simbolicamente l’aula consiliare per protestare contro la mancanza di chiarezza sul futuro del “Paolo Borsellino”, dallo scorso autunno adibito ad ospedale Covid, con non pochi disagi per i pazienti del comprensorio che si sono dovuti recare altrove per visite, esami o interventi relativi ad attività ospedaliera non legata all’emergenza epidemiologica.

“Ho fatto mio il malessere dei cittadini e dei consiglieri comunali rispetto ai numerosi disservizi registrati in questi mesi – afferma il sindaco di Marsala Massimo Grillo -. Ho chiesto al commissario Zappalà tempi certi per un ritorno graduale alla piena operatività di tutti i reparti del nosocomio marsalese”. Presenti all’incontro anche il presidente del Consiglio comunale di Marsala, Enzo Sturiano, il vicesindaco Paolo Ruggieri e il consigliere Leo Orlando.

Il commissario Zappalà ha risposto assicurando il ripristino al primo piano dell’ospedale di 20 posti letto per l’attività ordinaria e 2 sale operatorie a partire dal prossimo 10 giugno. Un’apertura legata anche al miglioramento del quadro pandemico in provincia, in cui sono attualmente 549 i soggetti positivi e 36 i ricoverati (di cui 2 in terapia intensiva). Per il ritorno a regime completo del “Paolo Borsellino”, si dovrà attendere decisamente di più.

“Ho, inoltre, chiesto e ottenuto che si programmasse a breve un tavolo tecnico ristretto ai soli sindaci delle città sede di presidi ospedalieri e al commissario Zappalà per riprogrammare insieme i servizi della rete sanitaria provinciale – aggiunge Grillo – e così come richiesto dal Consiglio Comunale, l’individuazione di un altro presidio ospedaliero da destinare ad ospedale Covid. Abbiamo bisogno di sapere da subito se e come l’Asp ha intenzione di ridistribuire reparti e servizi nei vari ospedali della provincia”.

Il presidente Sturiano ha brevemente relazionato all’assemblea di Sala delle Lapidi, in coda alla seduta consiliare. “Ci si è aggiornati alla prossima settimana per scendere nel dettaglio sui vari aspetti”, ha affermato Sturiano, evidenziando la disponibilità manifestata dall’Asp, ma facendo presente anche qualche perplessità in merito alle scelte che si potrebbero delineare per il futuro della sanità trapanese. Nel breve dibattito scaturito, i consiglieri Leo Orlando e Piero Cavasino hanno aperto alla sospensione dell’occupazione di Sala delle Lapidi da parte dei consiglieri comunali. Sull’argomento, il presidente Sturiano ha rinviato la decisione alle prossime sedute.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta