Facciamo Turismo Culturale a Marsala

redazione

Facciamo Turismo Culturale a Marsala

Condividi su:

mercoledì 23 Settembre 2020 - 10:06
Facciamo Turismo Culturale a Marsala

Si è concluso domenica 20 settembre il Programma scientifico-culturale del 2° WWW.BITC Borsa Italiana del Turismo Culturale presso il Convento del Carmine, organizzato in modalità webinar per tutti i partecipanti; e condotto con una formula del tutto nuova, da Alfredo Anania, Presidente della Società Cooperativa Fenorabia Group Europe, e cioè i relatori sono intervenuti; da una diversa location scelta da ciascuno di loro e particolarmente suggestiva dal punto di vista turistico-culturale. Unica ed interessante è stata l’opportunità di questa; tre giorni in cui nel sito virtuale non solo gli operatori del turismo culturale hanno presentato le caratteristiche della loro offerta ma anche gli studiosi e gli esperti; del settore hanno potuto presentare le proprie ricerche, proporre le proprie idee, dibattere e interagire con altri ricercatori di diversa appartenenza geografica e culturale.

A Marsala è stata realizzata il secondo anno della Borsa Italiana del Turismo Culturale, https:// www.bitcborsaitalianaturismoculturale.it/, si presenta quale spazio di discussione aperto alla possibilità di costruzione sociale del territorio e di sviluppo della psicologia della convivenza attraverso le potenzialità del turismo culturale, alcuni aspetti del quale hanno diretta attinenza con il marketing turistico, formato da aziende economiche, sociologiche e statistiche, che studiano il turismo quale prodotto di consumo su base imprenditoriale in una logica di domanda-offerta. “Il territorio della provincia di Trapani – sono parole del Dr. Alfredo Anania – gode di un patrimonio archeologico, diffuso nel bel mezzo di una natura incontaminata, molto suggestiva anche dal punto di vista paesaggistico, che costituisce un vero tesoro culturale che va preservato da qualsivoglia opera di ‘ingegneria’ che non sia di conservazione e di restauro.

Marsala, anche attraverso la serie di edifici d’epoca che la rendono nel suo centro storico un vero salotto accogliente particolarmente adatto ad ospitare la Borsa del Turismo Culturale, si trova all’epicentro di un triangolo affascinante dal punto di vista paesaggistico e straordinario dal punto di vista del patrimonio archeologico e storico in quanto copre un periodo lunghissimo che va dalla preistoria, al medioevo, alla prima metà del novecento”. Questo momento di incontro è stato come un punto di partenza per sviluppare un vero Turismo Culturale in questa Sicilia Occidentale così ricca di tesori e unicità, e per intraprendere un percorso orientato a generare il bene comune. A tutti noi è richiesta una operosa attività divulgativa, per concorrere al raggiungimento dell’obiettivo comune che è lo sviluppo dell’immagine del Territorio.

[ Maria Grazia Sessa ]

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta