In alcune Regioni possibile via libera a ristoranti e parrucchieri dal 18 maggio

redazione

In alcune Regioni possibile via libera a ristoranti e parrucchieri dal 18 maggio

Condividi su:

mercoledì 06 Maggio 2020 - 18:41
In alcune Regioni possibile via libera a ristoranti e parrucchieri dal 18 maggio

Parrucchieri, bar e ristoranti potrebbero aprire, in alcune regioni, già il 18 maggio. A confermarlo già giorni fa era stato un timido messaggio non troppo tra le righe del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte e del il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia.

Il tutto sotto le linee guida dell’Inail per il riavvio di queste attività e se, naturalmente, la curva epidemiologica tende sempre più a scendere e a regalare dati positivi.

“Dal governo – ha spiegato il premier – non c’è alcuna volontà di protrarre questo lockdown residuo, se c’è la possibilità di anticipare qualche data, possiamo anche valutare delle aperture ulteriori”. “Ora stiamo lavorando su bar, ristoranti e parrucchieri, ma bisogna aspettare le linee guida dell’Inali per consentire loro di operare in sicurezza, perché sono attività a rischio di contatto fisico”, afferma invece il ministro Boccia. E potrebbero rientrarvi altre attività come estetisti e centri di bellezza.

Questo potrebbe accendere la speranza di molti titolari di attività commerciali che stanno per gettare la spugna. Il tutto ovviamente avverrà attenendosi alle disposizioni di distanziamento sociale e laddove non sia possibile, di indossare i supporti di protezione.

Ciò si rispetta così il desiderio di ripartenza prima del 1° giugno per le restanti attività, da parte di alcune regioni che ad oggi si trovano nella “zona verde” con bassi numeri di contagio. Tra queste anche la Sicilia. In Calabria invece il Presidente della Regione aveva già autorizzato l’apertura di bar e ristoranti con tavoli e sedie all’aperto ma l’ordinanza è stata impugnata. A giorni doveà pronunciarsi il Tar della Calabria.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta