Ufficiale la proroga fino al 13 aprile. Conte: “Non possiamo ancora allentare le misure”

redazione

Ufficiale la proroga fino al 13 aprile. Conte: “Non possiamo ancora allentare le misure”

Condividi su:

mercoledì 01 Aprile 2020 - 20:41
Ufficiale la proroga fino al 13 aprile. Conte: “Non possiamo ancora allentare le misure”

Come preannunciato dal Ministro della Salute Roberto Speranza, il governo ha messo a punto un nuovo decreto che prevede l’estensione fino al 13 aprile del termine previsto per le misure restrittive legate all’emergenza Coronavirus. Davanti ai giornalisti, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha ricordato che l’Italia sta ancora attraversando la fase acuta dell’emergenza, che ha portato oggi al superamento della soglia dei 13.500 decessi.

Conte ha ammesso che “il comitato tecnico scientifico comincia a vedere gli effetti positivi”, ma non ci sono le condizioni per allentare le disposizioni originariamente previste fino al 3 aprile. “Ci rendiamo conto che vi chiediamo un ulteriore sforzo e sacrificio. Ma se allentassimo le misure, tutti gli sforzi sarebbero vani. Saremmo costretti a ripartire di nuovo, sarebbe un doppio costo che non potremmo permetterci”. Da qui l’invito alla popolazione italiana affinchè continui a rispettare le regole, come fa gran parte della popolazione, con l’eccezione di una sparuta minoranza.

“Mi dispiace che queste misure arrivino in prossimità delle festività pasquali – ha sottolineato Conte-. Ma quest’ulteriore sforzo ci consentirà di cominciare a valutare una prospettiva, in accordo con il comitato scientifico”.

Prima di rispondere alle domande dei giornalisti, il premier ha aggiunto: “Non posso promettervi che il 14 aprile cominceremo ad allentare le misure. Ma se la curva epidemiologica continuerà a scendere, potremo pensare alla fase 2, con un primo allentamento delle misure, dopo la quale con la fase 3 usciremo dall’emergenza, si ripristineranno le attività lavorativa e sociali e si passerà al rilancio della nostra economia”.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta