Alcamo, il sindaco Surdi ha annunciato un nuovo caso di Coronavirus

Linda Ferrara

Alcamo, il sindaco Surdi ha annunciato un nuovo caso di Coronavirus

Condividi su:

domenica 22 Marzo 2020 - 22:40

La notizia è stata diffusa in serata durante la diretta social del primo cittadino. Salgono così a otto i soggetti positivi in città.

Un altro alcamese si è aggiunto alla lista dei casi positivi al Covid-19. In totale, sono otto i soggetti contagiati in città. “Mi di spiace darvi questa notizia oggi” ha dichiarato il sindaco Domenico Surdi nel corso della sua diretta social di questa sera. “Un numero pur sempre contenuto, ma dobbiamo in qualche modo aspettarci che ci siano, ci possano essere queste notizie” ha aggiunto il primo cittadino. Anche questa volta, nel suo consueto messaggio ai cittadini, il sindaco ha ribadito che tali contagi sono il frutto di comportamenti errati. “Spero nella maggior parte inconsapevoli” ha affermato, precisando “che risalgono a due settimane fa”. Per tali ragioni, secondo il primo cittadino, oggi occorre più che mai stare a casa ed evitare tutti i contatti possibili. Il sindaco ha anche puntualizzato che l’Asp sta lavorando ed è sul campo, ed ha rinnovato la sua fiducia in chi, in questo momento, si trova in prima linea. Poi, ha informato gli alcamesi sul decreto firmato oggi dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, avente ad oggetto tutte le attività essenziali che possono rimanere aperte. “In questo momento è necessaria anche un’unità dal punto di vista normativo”, ha dichiarato il sindaco Surdi, spiegando, però, che vi sono vari livelli istituzionali e, dunque, si assiste all’emanazione di ordinanze regionali o circolari ministeriali. In particolare, il primo cittadino si è soffermato sul recentissimo decreto del ministero della Salute che restringe le possibilità di spostamento da un comune all’altro per comprovate esigenze di lavoro, di salute e di assoluta urgenza.

A questo punto il sindaco Surdi ha rinnovato quello che è diventato, come dallo stesso definito, un mantra “Non bisogna uscire da casa”. Dopo, il primo cittadino ha sottolineato che quella che attende i cittadini è una settimana importante e occorre appunto evitare i contatti. “Questo maledetto virus ci sta facendo capire quanto sia subdolo ed è difficile da sconfiggere”, ha detto. Il riferimento è diretto a chi, arrivando da altre regioni, ha sottovaluto evidentemente il rischio di contagio. Poi, il sindaco ha lanciato l’appello ai cittadini a continuare ad avere fiducia in chi lavora in questi giorni di quarantena, all’Asp e a tutti i sanitari. “Non usciamo domani, non andiamo ad assaltare supermercati”, ha aggiunto nel suo monito. Infatti, la chiusura dei generi alimentari è prevista in Sicilia solo per la domenica. Successivamente, il sindaco Surdi ha dichiarato “Vi prego di non assediare le banche e gli uffici postali. Non ci costringete a prendere delle misure drastiche”. Per il primo cittadino, comunque, in queste settimane “Alcamo ha dimostrato di reggere e di sapersi autocontrollare”. Anche dal punto di vista dei controlli vi saranno delle novità. “Qualcuno è stato già denunciato”, ha dichiarato il sindaco Surdi, riferendosi a cittadini che non hanno rispettato le prescrizioni nazionali. Dopo, ha invitato gli alcamesi a non andare a fare la spesa in coppia. Altro appello del primo cittadino “Dobbiamo abituarci a vivere un altro pò in questa situazione”. Ed ancora “Non sottovalutiamo nulla”. Insieme ad altri sindaci del palermitano si sta cercando di ottenere il potenziamento della pediatria all’ospedale di Alcamo, dal momento che il nosocomio di Partinico è stato dedicato prettamente alla cura del Coronavirus. Inoltre, il sindaco Surdi ha rassicurato gli alcamesi sul fatto che la giunta comunale e la macchina amministrativa della città stanno continuando a lavorare per garantire tutti i servizi essenziali. Dopo ha rammentato che il pagamento di tasse, tributi e canoni, è stato sospeso fino a giugno. Infine, il primo cittadino ha concluso “Concentriamoci nella lotta contro il Covid-19”.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta