Migliorare l’ambiente dello Stagnone, presentata una richiesta di finanziamento

Gaspare De Blasi

Migliorare l’ambiente dello Stagnone, presentata una richiesta di finanziamento

Condividi su:

martedì 02 Luglio 2019 - 11:43
Migliorare l’ambiente dello Stagnone, presentata una richiesta di finanziamento

Miglioramento e ripristino dell’ambiente dello Stagnone di Marsala, con riferimento alla circolazione idrica della parte nord occidentale della laguna. È quanto si propone l’Amministrazione comunale di Marsala che, con delibera della Giunta, ha presentato un progetto alla Regione Siciliana con relativa richiesta di finanziamento per poco più di 1 milione e 100 mila euro. “È noto che il ricambio dell’acqua riveste un ruolo fondamentale nell’equilibrio dell’ecosistema lagunare – ha detto il sindaco Alberto Di Girolamo -. Supportati da diversi studi scientifici, abbiamo colto l’opportunità di questo recente bando regionale per presentare un nostro progetto che, ovviamente, è condiviso dagli altri Enti interessati alla salvaguardia di quel delicato ambiente naturale”.

A tal fine, infatti, sono stati sottoscritti dal comune di Marsala due Accordi di Collaborazione: uno con il Libero Consorzio Comunale di Trapani (Ente Gestore della Riserva dove ricade lo Stagnone); l’altro con il Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze del Mare (CoNISMa), avvalendosi dei contributi scientifici dei docenti Mazzola, Calvo, Vizzini e Ciraolo dell’Università degli Studi di Palermo.

Obiettivo del progetto è quello di ripristinare alcuni canali presenti nella “bocca nord” e nella zona settentrionale dell’Isola Lunga al fine di migliorare la circolazione idrica. Gli effetti di tali interventi saranno monitorati tramite un sistema di sensori appositamente installati, eseguendo esami sulla qualità delle acque. Lavori di implementazione riguarderanno la riforestazione della posidonia oceanica, già oggetto – tra l’altro – di un precedente finanziamento regionale assegnato a Marsala, per un investimento di circa 400 mila euro. In pratica, dalla riattivazione della rete idrografica della Laguna dovrebbe risultare migliore la salinità e l’ossigenazione delle acque, riducendo così gli effetti negativi sulla flora e fauna ittica. “Interessante è anche un’altra finalità del progetto, quella di realizzare un piano di comunicazione ed educazione ambientale a beneficio della conoscenza dell’area. Coinvolgeremo – ha detto il sindaco Di Girolamo,

scuole, cittadini, operatori turistici e visitatori”. Insomma, una riqualificazione e valorizzazione della Riserva lagunare, in linea con le strategie del Piano di Gestione e in sinergia con gli altri interventi che interessano l’intera area dello Stagnone.

Condividi su: