Marsala, immobile confiscato alla mafia diventa Casa fraterna per donne con difficoltà sociali

redazione

Marsala, immobile confiscato alla mafia diventa Casa fraterna per donne con difficoltà sociali

Condividi su:

martedì 05 Febbraio 2019 - 16:22
Marsala, immobile confiscato alla mafia diventa Casa fraterna per donne con difficoltà sociali

Sono sei i posti letto disponibili per donne in difficoltà sociali nella Casa fraterna “Pina Suriano-Emanuela Loi” che è stata inaugurata stamattina a Marsala. Il progetto della Casa è dell’Opera di religione “monsignor Gioacchino Di Leo” ed è sostenuto dalla Diocesi di Mazara del Vallo tramite i fondi 8×1000 destinati alla carità. Si tratta di un appartamento che si trova al secondo piano del palazzo Magnolia, in contrada Ponte Fiumarella, sequestrato al marsalese Francesco Bianco e ora affittato dal Tribunale di Trapani (sezione Misure di prevenzione) tramite l’amministratore giudiziario Alberto Scuderi.

«La Casa accoglierà donne con difficoltà sociali – ha spiegato don Francesco Fiorino, direttore dell’Opera di religione – che attraversano un periodo difficile della loro vita dovute a diverse vicissitudini. Visto che il centro sarà gestito coi volontari non potremo accogliere donne con patologie o dipendenze, per le quali sarà necessaria l’accoglienza presso strutture specializzate». L’appartamento comprende tre camere da letto, due bagni, una lavanderia, una cucina e un ampio salone dotato di una vetrata con sull’abitato di Marsala. Stamattina all’inaugurazione, tra gli altri, erano presenti il Vescovo monsignor Domenico Mogavero e il Procuratore della Repubblica di Marsala, Vincenzo Pantaleo.

«Questa casa è la viva testimonianza dell’utilizzo dei fondi 8×1000 per le persone bisognose – ha affermato il Vescovo – la struttura non certo potrà essere quella risolutiva per tutti i problemi nel sociale che si registrano a Marsala ma è una piccola fiammella che si aggiunge alle altre già operative. La nostra Chiesa è in prima linea già con la mensa fraterna della Caritas diocesana-Fondazione San Vito Onlus, ora con questa Casa che, sono certo, sarà d’aiuto a tante donne in difficoltà ma anche sostenendo, sempre coi fondi 8×1000, attività di altre associazioni e Centri». All’inaugurazione sono stati presenti anche l’assessore comunale Clara Ruggeri, l’amministratore giudiziario Alberto Scuderi e i vertici locali delle forze dell’ordine.

La struttura è dedicata alla memoria di Pina Suriano, laica di Azione Cattolica, beatificata nel 2004, e Emanuela Loi, agente della scorta di Paolo Borsellino, uccisa dalla violenza mafiosa nella Strage di via D’Amelio.

Condividi su: