Verde pubblico: il gruppo dell’Udc di Marsala presenta un’interrogazione sulla presenza degli alberi in città

redazione

Verde pubblico: il gruppo dell’Udc di Marsala presenta un’interrogazione sulla presenza degli alberi in città

Condividi su:

domenica 14 Febbraio 2016 - 13:55
Verde pubblico: il gruppo dell’Udc di Marsala presenta un’interrogazione sulla presenza degli alberi in città

Un’interrogazione a risposta scritta è stata presentata dal gruppo consiliare dell’Udc a proposito del verde pubblico a Marsala. Giovanni Sinacori, Eleonora Milazzo e Flavio Coppola chiedono al sindaco Alberto Di Girolamo e all’assessore Nino Barraco “quali iniziative sono state poste in essere o si intendono perseguire per la gestione, la salvaguardia e la progettazione delle alberature della città di Marsala”.

“E’ nota – si legge nel testo dell’interrogazione – l’importanza della presenza degli alberi in città che, oltre a rappresentare un tipicizzante elemento di arredo urbano, svolgono importanti azioni legate alla salute dei cittadini. E’ dimostrato dalla comunità scientifica, che le persone che vivono in città in aree urbane ad elevato traffico veicolare, risultano maggiormente colpite da allergie rispetto a chi vive in aree agricole. La scelta di essenze arboree a basso indice allergenico migliorano lo stato dell’aria che si respira, rendendo il fenomeno delle allergie meno invasivo. E’ necessario prestare molta attenzione alle alberatura della città di Marsala. E’ facile rendersi conto che molti di esse presentano sesti di impianto molto ravvicinati, con il risultato di chiome addossate l’una all’altro, gravi problemi all’albero, pericoli per la sicurezza dei cittadini”.

Secondo i tre componenti del gruppo consiliare dell’Udc, il Comune di Marsala dovrebbe effettuare “un preciso censimento delle alberature presenti” e, al contempo, dovrebbe “dotarsi di un piano preciso in grado di risolvere i problemi causati dalle vecchie alberature”. A tal riguardo, sono due le proposte lanciate da Sinacori, Coppola e Milazzo: organizzare il piano di sostituzione, ove necessario, sia per lo stato fitosanitario che per gli effetti causati dalle radici o dalla chioma; progettare i nuovi filari nel rispetto dei nuovi regolamenti.

“Per fare ciò è necessario conoscere le specie arboree quindi il loro sviluppo sia radicale che della chioma, impedire all’albero di interferire con i sottoservizi e con gli edifici, ottenendo sicurezza per i cittadini, bassi costi per l’Amministrazione e più tolleranza verso le piante. E’ auspicabile che l’Amministrazione si impegni per far si che la città di Marsala sia dotata di una “Alberatura Sostenibile”, che vuol dire creare attorno all’albero condizioni ottimali per farlo crescere al meglio e non farlo mai diventare pericoloso. Alcune alberature pagano errori di piantagione, di impianto e manutenzione, di potature errate, danni da scavi per sottoservizi, mancanza di fertilizzazione e di irrigazione, assenza di difesa fitosanitaria. Il risultato – concludono i tre consiglieri – spesso si può sintetizzare in un pessimo impatto per il decoro urbano, costi elevati per l’impiego di mezzi e di personale per la manutenzione, danni economici per le riparazioni necessarie causate dalle radici o dalla chioma”.

Condividi su: