Il direttore della Direzione Investigativa Antimafia visita la sezione di Trapani

Claudia Marchetti

Il direttore della Direzione Investigativa Antimafia visita la sezione di Trapani

Condividi su:

martedì 28 Aprile 2015 - 12:17
Il direttore della Direzione Investigativa Antimafia visita la sezione di Trapani

Il Direttore della Direzione Investigativa Antimafia, Nunzio Antonio Ferla, ha visitato la Sezione Operativa di Trapani. Nell’occasione, alla presenza del Capo Sezione,  Rocco Lopane e del Capo Centro di Palermo – dal quale la Sezione dipende – Riccardo Sciuto, e del personale dipendente, sono state analizzate le attività investigative in corso ed individuate future strategie da adottare nella lotta al fenomeno mafioso. Nella circostanza della visita a Trapani, Ferla ha incontrato il Prefetto, Leopoldo Falco, il Presidente del Tribunale, Roberto De Simone, il Presidente della Sezione Penale e Misure di Prevenzione, Piero Grillo ed il Procuratore della Repubblica, Marcello Viola. Nel corso degli incontri si è discusso delle principali linee di azione nel contrasto alla mafia in ambito preventivo. Tutte le Autorità hanno espresso viva soddisfazione per l’attività svolta dalla D.I.A.. Il Prefetto ha elogiato la Struttura che, grazie al suo elevato grado di conoscenza del fenomeno mafioso e della capacità di analisi, fornisce un contributo informativo determinante nella formulazione di eventuali provvedimenti interdittivi, in piena sinergia con le altre Forze di Polizia. Ampio riconoscimento all’attività della D.I.A., è stato tributato anche dal Presidente del Tribunale ed anche dal dottor Grillo, i quali hanno sottolineato l’ampia sinergia raggiunta con la Direzione Investigativa Antimafia, che costituisce punto di riferimento essenziale non solo nella fase propositiva, in virtù dei poteri riconosciuti al suo Direttore, ma anche quale valido strumento, a disposizione dello stesso Tribunale, per gli approfondimenti investigativi che si rendono necessari nelle successive fasi del procedimento di prevenzione.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta