Domani al Liceo “Pascasino” Antonio Ingroia presenta “Vent’anni contro”: la mafia oggi dopo le stragi di Capaci

Claudia Marchetti

Domani al Liceo “Pascasino” Antonio Ingroia presenta “Vent’anni contro”: la mafia oggi dopo le stragi di Capaci

Condividi su:

lunedì 27 Ottobre 2014 - 16:12

Verrà presentato domani pomeriggio alle ore 17.30, nei locali del Liceo “Pascasino” di  via Giovanni Falcone, il libro “Vent’anni contro” dell’ex magistrato Antonio Ingroia – nonché attuale Commissario Straordinario dell’ex provincia di Trapani – scritto a quattro mani con Gian Carlo Caselli e curato da Maurizio De Luca. L’iniziativa, supportata dalla libreria Mondadori e coordinata dalla professoressa Roberta Maltese, vede coinvolte rappresentanze di alunni e docenti di tutte le scuole secondarie superiori di Marsala e rappresenta un importante momento culturale e di riflessione per le giovani generazioni. “È tutto finito; non c’è più niente da fare”: sono le parole di Antonino Caponnetto dopo l’assassinio di Paolo Borsellino e della sua scorta che rappresentano la disperazione di un’intera nazione. Vent’anni dopo le stragi di Capaci e via D’Amelio, la mafia però non ha vinto. Nonostante che molti misteri siano ancora irrisolti e molti retroscena siano oscuri. Nonostante gli attacchi ripetuti alla magistratura, le polemiche violente, i rapporti ambigui tra politica e criminalità, i silenzi della società civile, la disillusione. Nelle pagine di “Vent’anni contro”  (Laterza Editore) troviamo le inchieste e i processi più clamorosi, gli imputati eccellenti e le pedine, le storie dei pentiti, il racconto di come il nostro paese sia stato invaso di capitali che hanno radici mafiose. Una mafia che in questi anni ha cambiato pelle, ha ucciso sempre meno e riciclato sempre di più. Che si è mossa senza rumore. Gli allievi delle scuole coinvolte dialogheranno con Antonio Ingroia e reciteranno passi del suo libro. A seguire ci sarà un dibattito. L’iniziativa è aperta a tutta la cittadinanza.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta