Servizio per soggetti indigenti, firmato un Protocollo tra Amministrazione e Rotary Club

Claudia Marchetti

Servizio per soggetti indigenti, firmato un Protocollo tra Amministrazione e Rotary Club

Condividi su:

martedì 10 Giugno 2014 - 12:37

Attivare un servizio gratuito per i bisogni delle persone indigenti, gestito e offerto dai soci. Questa la proposta del Rotary Club Marsala, accolta e condivisa dall’Amministrazione comunale con un apposito atto deliberativo, cui ha fatto seguito il Protocollo d’Intesa sottoscritto dall’assessore ai Servizi sociali Antonella Genna e da Riccardo Lembo, nella qualità di presidente eletto (qui accompagnato da Michele Crimi, delegato “Fondazione Rotary”). “Mettere gratuitamente al servizio della città le proprie conoscenze e competenze è lodevole, afferma il sindaco Giulia Adamo. Questa è solo una delle iniziative contenute in un progetto più ampio dello stesso Club Service, e noi siamo pronti a valutare l’utilità sociale di ogni singola proposta”. Saranno principalmente gli Uffici comunali alla Solidarietà a segnalare le famiglie bisognose cui destinare l’attività di consulenza medica, legale, fiscale, notarile, bancaria. Previsti anche interventi per “recupero matematica” e di sostegno al “disagio psichico”. Questi i professionisti che ilRotary Club Marsala metterà al servizio della Città: Riccardo Lembo (densitometrie), Giovanni Ingianni (ECG e visita cardiologica), Salvatore Mancuso (ecografia rene), Francesco Giacalone (screening denti e visita odontoiatrica), Lucia Sciacca (visita pediatrica), Giuseppe Sciacca (visita ginecologica), Giuseppe Donato (recupero matematica), Lucio Casano (visita oculistica), Angelo Di Girolamo (assistenza legale), Gino Ingianni e Vincenzo Peloso (assistenza fiscale), Lorenzo Sammartano e Giuseppe Maggio (microcredito e banche), Lorenzo Messina (disagio psicologico e psichico), Daniele Pizzo (assistenza notarile). Una volta al mese – di regola il sabato – svolgeranno gratuitamente i servizi di competenza, secondo le indicazioni fornite dalle Parrocchie e dai Servizi sociali comunali.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta