Il sindaco di Campobello: “Maggiore controllo del territorio da parte delle Forze dell’Ordine”

redazione

Il sindaco di Campobello: “Maggiore controllo del territorio da parte delle Forze dell’Ordine”

Condividi su:

martedì 07 Dicembre 2021 - 11:08

“Ho richiesto alle Forze dell’Ordine un maggiore controllo del territorio campobellese già diversi mesi fa, quando ho segnalato, con nota scritta, un repentino incremento di reati di microcriminalità, ed ho sollevato nuovamente la questione, circa 10 giorni fa, a seguito del susseguirsi di sempre più numerosi furti messi a segno nelle abitazioni di Campobello, nell’ambito di un tavolo tecnico del comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica coordinato dalla Prefettura di Trapani”. E’ quanto afferma in una nota il sindaco Giuseppe Castiglione.

“In qualità di primo cittadino di Campobello sento, infatti, il dovere di rappresentare non solo lo stato di disagio vissuto da chi ha subito la violazione della propria abitazione, ma anche lo stato di insicurezza e di timore che ormai pervade l’animo di tutti i cittadini».

È quanto dichiara il sindaco Giuseppe Castiglione, che ieri pomeriggio, dopo che sono stati divulgati alcuni video che riprendevano un giovane nell’atto di introdursi all’interno di un’abitazione della via Regina Margherita, ha prontamente segnalato l’accaduto al comandante della locale stazione dei Carabinieri.

«Le forze dell’Ordine sono sempre operative – aggiunge il Sindaco – e stanno già conducendo indagini a 360 gradi, analizzando scrupolosamente anche le stesse immagini fornite dalle vittime e che da ieri circolano sui social. Ho massima fiducia nella grande capacità investigativa delle forze dell’Ordine e confido nel fatto che presto, grazie al supporto di altro personale che auspico possa essere presto messo in campo nel nostro territorio comunale, possano restituire serenità alla nostra comunità. Ai cittadini chiedo, invece, di stare vigili, denunciando ogni situazione che possa apparire sospetta».

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta