Presentata la terza edizione degli Stati Generali dell’Export che si terrà a Marsala

redazione

Presentata la terza edizione degli Stati Generali dell’Export che si terrà a Marsala

Condividi su:

giovedì 16 Settembre 2021 - 17:06

E’ stata presentata al Complesso monumentale di San Pietro la terza edizione degli Stati Generali dell’Export che si terrà a Marsala dal 24 al 26 settembre 2021. E’ preannunciata la presenza tra gli altri della presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati, del ministro degli esteri Luigi Di Maio, del presidente della Regione Nello Musumeci e di diversi imprenditori di aziende a livello internazionale come la Riello, Zoppas, Farinetti.

Saranno presenti oltre 350 imprese, 60 relatori. Questi dati sono stati forniti nella presentazione da Lorenzo Zurino. Presente il vice presidente della regione Gaetano Armao, il sindaco di Marsala Massimo Grillo con il suo vice Paolo Ruggieri e l’assessore Antonella Coppola. Presente anche il presidente di Unioncamere Sicilia Pino Pace. Il Forum sarà l’occasione con le presenze autorevoli delle istituzioni e del governo, per fare il punto sull’export italiano è stato affermato negli interventi.

“Confidiamo nel fatto che l’evento di Marsala sia di buon auspicio per l’ulteriore crescita del Made in Italy – ha detto tra gli altri Massimo Grillo-. Del resto Marsala, per la sua storia e la sua posizione geografica, è sempre stata un luogo simbolico di grandi approdi e grandi ripartenze”. E’ poi intervenuto il vice presidente della regione.

“La ricchezza della Sicilia è anche nella sua vocazione internazionale – ha detto in conferenza stampa Gaetano Armao –. Negli ultimi mesi stiamo assistendo ad una crescita di quella parte di export regionale legata ai prodotti d’eccellenza della nostra terra. Non è più solo la Sicilia delle raffinerie o dei derivati del petrolio, ma la regione che sta facendo conoscere al mondo il meglio delle proprie produzioni”. “L’Italian Export Forum rappresenta per l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli una preziosa occasione per dialogare con i principali attori che si occupano di export – sostiene il Direttore dell’Adm Marcello Minenna – La tutela del made in Italy è certamente una delle grandi priorità dell’Agenzia e lo dimostra la costante attività di vigilanza e di controllo antifrode, il cui valore complessivo per l’anno 2020 è stato pari a 1,64 miliardi di euro”.

L’occasione unica di confronto offerta dagli Stati Generali è stata sottolineata anche da Riccardo Di Stefano, Presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria: “L’Italia resta un paese forte, con un’industria quella del Made in Italy, che si conferma un fattore vincente sull’economia globale. Con questi punti di forza possiamo lavorare per ridare energia ai settori colpiti dalla pandemia”,

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta