Investimenti: è possibile vivere di trading nel 2021?

redazione

Investimenti: è possibile vivere di trading nel 2021?

Condividi su:

venerdì 11 Giugno 2021 - 10:40

Sempre più persone sono attirate dalla possibilità di realizzare un guadagno facendo di trading online, tanto che durante i mesi di lockdown le piattaforme che si occupano di mettere in relazione gli utenti con il mercato finanziario hanno registrato un vero e proprio boom. Grande successo stanno avendo anche i libri dedicati a questo mondo: “Vivere di trading”, scritto dal trader e psichiatra Alexander Elder, è uno dei più famosi, mandato in ristampa più volte e oggetto di un vero e proprio culto tra gli appassionati.

Elder, nato in Russia ma naturalizzato americano, nel suo manoscritto racconta come ha realizzato il sogno di mantenersi attraverso gli investimenti online e fornisce una serie di consigli utili per comprendere la psicologia che sta alla base della finanza.

In Italia non sono molti i trader professionisti che si occupano full time di investimenti online, tuttavia è un settore che sta prendendo sempre più piede anche nel nostro paese; in ogni caso, come qualunque altra attività che preveda la movimentazione di somme di denaro, è opportuno, prima di aprire un conto e di iniziare a fare trading, informarsi sul mercato e sulle opportunità di guadagno reali. In tal senso infatti, per capire come si può vivere di trading, è importante affidarsi a professionisti del settore come gli esperti di Tradingonline.com, che offrono guide approfondite per aiutare gli utenti a comprendere come far fruttare il proprio capitale.

Lo studio è alla base del trading online

Chiunque desideri avvicinarsi al mondo del trading online, sia per realizzare un piccolo guadagno extra, sia con l’obbiettivo di farne un lavoro a tutti gli effetti, non può prescindere da uno studio rigoroso della materia. Senza conoscere come sono strutturati i mercati finanziari, da cosa sono influenzati, le varie tipologie di asset e la gestione del rischio, sarà impossibile, infatti, investire con successo.

Oltre al libro di Elder in rete è possibile trovare numerosi materiali informativi: ebook, guide di approfondimento, webinar, video corsi, forum specializzati dove scambiarsi informazioni,…Sono moltissime le possibilità per studiare il trading e alcune fra queste sono anche a costo zero. Uno dei modi per reperire informazioni gratuitamente, infatti, è quello di sfruttare le risorse messe a disposizione dalle piattaforme.

I più famosi broker online offrono ai loro iscritti il vantaggio di poter consultare in qualsiasi momento una vasta mole di materiale informativo. Dall’analisi dei grafici, passando per gli elementi di analisi fondamentale e tecnica, per poi finire con un’infarinatura di psicologia applicata agli investimenti, la quantità di nozioni che è possibile recuperare da queste guide può bastare almeno come base per il periodo di formazione iniziale.

Cosa serve per fare trading

Oltre a conoscere come funziona il mercato finanziario, poi, per vivere di trading occorre affidarsi alla piattaforma giusta. Essa è, infatti, imprescindibile, anche se purtroppo non sono poche le persone che sono andate incontro a brutte sorprese incappando in truffe orchestrate con l’obbiettivo di rubare i soldi frutto dei loro guadagni online. Per questo motivo chiunque voglia avvicinarsi in modo professionale al mondo del trading dovrà affiancarsi a un partner riconosciuto, trasparente e affidabile.

Per realizzare un guadagno, poi, è fondamentale saper gestire il proprio capitale e investirlo seguendo una strategia precisa. Alla base di ogni decisione c’è, in ogni caso, il principio dell’asset allocation. Quest’ultima è la modalità per la quale il trader distribuisce il budget su vari asset, tenendo conto di una serie di fattori. Fra questi il più importante è il grado di rischio dei prodotti finanziari. L’investitore deve prevedere diversi livelli di pericolosità dell’investimento e deve, inoltre, variare quanto più possibile la natura dell’asset, il mercato di riferimento e il timing con il quale decide di entrare nelle contrattazioni.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta