Musumeci: “L’80% di siciliani ha rinunciato ad AstraZeneca”

redazione

Musumeci: “L’80% di siciliani ha rinunciato ad AstraZeneca”

Condividi su:

domenica 11 Aprile 2021 - 10:01
Musumeci: “L’80% di siciliani ha rinunciato ad AstraZeneca”

In Sicilia c’è l’80% di rinuncia del vaccino AstraZeneca. Su 100 persone, 80 dicono di no”. A fornire il dato è stato il presidente della Regione, Nello Musumeci, che nel corso di una conferenza stampa a Catania, ha parlato della situazione vaccini nell’isola. “E’ naturale – ha spiegato il governatore dell’Isola – che la condizione di allarme sia particolarmente elevata, ma abbiano il dovere di credere agli scienziati che dicono che è più pericoloso non vaccinarsi piuttosto che vaccinarsi”. 

“Immunizzare la comunità siciliana, sottoporla a vaccino ed è quello di cui ci stiamo occupando”, ha detto Musumeci.

Per farlo, la Regione punta sui medici di famiglia, già arruolati, e a breve anche sui farmacisti. Dovranno reclutare gli over 80 che si sono ritirati in massa dopo le notizie su alcuni decessi che potrebbero essere effetto della vaccinazione. Il presidente della Regione ha infine annunciato che “… a metà aprile è previsto l’arrivo tanto atteso delle prime dosi del vaccino Janssen di Johnson&Johnson, ancora in numero ridotto, ma sarà il primo a dose singola a venire distribuito”.

Nel frattempo sono una trentina le città siciliane in zona rossa e a Palermo si continua a vaccinare anche in notturna. «Ieri la prima prova della vaccinazione in notturna alla Fiera di Palermo. Si prosegue stasera e si sono prenotati già in seicento. Priorità ad anziani e persone fragili. Ma la gente perbene risponde. E ancora una volta dimostra di essere molto più avanti di chi fa polemica politica pensando di ricavare qualche voto dalla disperazione dei cittadini». Lo dichiara il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, in merito alla seconda giornata di estensione alle ore notturne delle vaccinazioni nell’hub di Palermo.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta