Giornata Mondiale Poesia: “Dove l’azzurro si fa curva” con l’autrice Cettina Caliò, evento online

redazione

Giornata Mondiale Poesia: “Dove l’azzurro si fa curva” con l’autrice Cettina Caliò, evento online

Condividi su:

venerdì 19 Marzo 2021 - 10:38
Giornata Mondiale Poesia: “Dove l’azzurro si fa curva” con l’autrice Cettina Caliò, evento online

Per la Giornata Mondiale della Poesia, il 21 marzo, i versi spalancano tutte le finestre e ci fanno volare sopra la nube della solitudine e della pandemia. Il Festival 38° parallelo, tra libri e cantine e il Festival Contaminazioni danno appuntamento online sulle proprie pagine Facebook alle ore 18:30 per “Dove l’azzurro si fa curva”. Una conversazione con Cettina Caliò sulla sua nuova raccolta di poesie “Di tu in noi”, pubblicata da La Nave di Teseo. Un appuntamento che celebra la poesia, due festival che si incontrano.

Tre le sezioni di questo testo, in cui la prima si fa antefatto delle due successive: “Quel mio ritornare a te/ da tutte le strade/ per sottrarci da tanta morte”. Fra le pagine una mappatura dell’anima che è luogo e memoria – “Ti tengo / nell’entroterra dell’anima / in un respiro di due sillabe”, la vita come frattura in fiore su un muro: “la conseguenza del mattino / uno schianto in due tempi”, e ovunque il frammento dell’esperienza restituito in trama: “nulla sappiamo della mano / che ci regge il giorno / a tremare / fra la
memoria e la sete”. C’è un tempo fatto di attimi che sono già ricordo: “faccio ogni cosa / per l’ultima volta”; il respiro scardinato dagli eventi e lo scontro e il confronto con la perdita che si fa crollo: “mi cade addosso / il cielo che fu”.

L’esperienza è rimodulata in senso e suono. “Scrivo perché mi aiuta a respirare meglio. Perché ho nostalgia di tutti i momenti in cui mi sono sentita viva”. Così l’autrice conferma lo stile ormai riconoscibile e la cifra della sua ricerca poetica: la capacità di tradurre la quotidianità viva dei giorni restituendo profondità e consistenza alle parole comuni. Attraverso l’indagine lucida, l’essenzialità delle immagini, l’accuratezza dei suoni e la misura del verso, l’autrice riesce a fare delle occasioni della vita metafora assoluta: “di noi stessi erranti / è certo / il destino corroso”.

Parteciperanno all’evento: l’autrice Cettina Caliò, Mariangela Galante del Festival Contaminazioni, il direttore artistico di 38° Parallelo Giuseppe Prode e Marco Marino (Tp24). La conversazione sarà trasmessa sulle pagine Facebook di: 38° parallelo, tra libri e cantine, Festival Contaminazioni e Bibliotp Rete Biblioteche Trapani e provincia.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta