Parco eolico off shore al largo delle Egadi, Base Riformista favorevole al progetto Renexia

redazione

Parco eolico off shore al largo delle Egadi, Base Riformista favorevole al progetto Renexia

Condividi su:

sabato 20 Febbraio 2021 - 12:47
Parco eolico off shore al largo delle Egadi, Base Riformista favorevole al progetto Renexia

Sulla proposta della Renexia di realizzare il parco eolico off-shore chiamato “Mediterranean Wind off shore” a 60km dalle coste siciliane a largo delle Egadi, si registra l’intervento di Michele Rallo componente dell’Assemblea regionale del Pd e rappresentante di Base Riformista, che auspica “attenzione su questi temi, che oggi sono fondamentali per una vera transizione ecologica”.
“Se vogliamo “decarbonizzare” il nostro paese – scrive Rallo – c’è bisogno delle energie alternative ed in particolare dell’eolico sia a terra che off-shore, compatibile con l’ambiente e con il nostro paesaggio. Entrando nel merito della richiesta della RENEXIA abbiamo visto il progetto, che a differenza di altri mette in campo ulteriori innovazioni tecnologiche, come quella del “Floating” che permette di non Piantare i pali nel fondo del mare ma solamente ancorarli, scegliendo una profondità tra le 100 e le 600 metri. Il distanziamento tra un pilone e l’altro sarà di 3.5 km, non creando come in passato una barriera alle tratte migratorie dell’avifauna che nel canale di Sicilia hanno un loro passaggio stagionale. Certo l’impatto paesaggistico e naturalistico ci sarà, anche se difficilmente si vedrà dalle nostre isole vista la distanza ed è necessario che sui tavoli che si apriranno nei vari dipartimenti e ministeri, compreso quello della pesca è quello dell’ambiente dove si valuterà la VIA, lì si trovi il giusto equilibrio per andare avanti. Fatta questa doverosa premessa, noi di Base Riformista ci aspettiamo, vista l’attenzione per l’ambiente confermata dal Presidente Draghi, durante il discorso per la fiducia alla Camera e al Senato, che finalmente le isole minori italiane rientrino in un piano nazionale di transizione ecologica con una riconversione industriale delle centrali elettriche a fonti fossili che forniscono ad oggi l’energia elettrica, cavidotti che portino energia pulita e che permettano un serio piano che incentivi le rinnovabili, accompagnato da una riconversione delle attuali centrali che possano per esempio desalinizzare l’acqua, risolvendo un altro problema nelle isole che è l’approvvigionamento idrico ad oggi in parte risolto con le navi.
Ecco perché siamo favorevoli al progetto di Renexia, perché partendo proprio dai parchi eolici off-shore, dal collegamento dell’Africa con il continente Europeo attraverso cavidotti, della transizione ecologica e la decarbonizzazione del ns paese, si creino le condizioni affinché gli stessi cavidotti possano collegare le isole italiane fornendo energie rinnovabili pulite, quest’ultime sedi il più delle volte di parchi e riserve, solo in questo modo saremo collegati con il resto d’Europa”.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta