L’ex sindaco Di Girolamo interviene sull’ospedale: “Basta bugie, si faccia chiarezza”

redazione

L’ex sindaco Di Girolamo interviene sull’ospedale: “Basta bugie, si faccia chiarezza”

Condividi su:

sabato 20 Febbraio 2021 - 11:35

Anche l’ex sindaco di Marsala, Alberto Di Girolamo, interviene sulla vicenda del nuovo padiglione dell’ospedale “Paolo Borsellino”. “Leggo con stupore ed amarezza, non solo che i lavori del nuovo padiglione per i pazienti Covid-19 sono fermi e ce ne eravamo accorti, ma che ancora non c’è il progetto esecutivo e che lo stanno elaborando solo adesso: è di una gravità incredibile, oltretutto dopo i tanti comunicati sbandierati”.

L’ex primo cittadino lilybetano formula una serie di interrogativi sulla vicenda: “Con quale trasparenza e correttezza è stato aggiudicato un lavoro di 12/13 milioni di euro senza un progetto esecutivo? Visto che i lavori debbono ancora iniziare e chissà quando, saranno mai finiti? Resterà una cattedrale nel deserto? L’ospedale Paolo Borsellino quando sarà liberato dai pazienti Covid e vi si potranno ricoverare quelli non Covid?”.

Alberto Di Girolamo evidenzia che una popolazione di 100 mila abitanti non può continuare a non avere un ospedale per pazienti non Covid e a non avere i poliambulatori funzionanti: “Il sindaco, il presidente del consiglio, gli assessori e i consiglieri comunali, gli assessori e i deputati regionali della città e della provincia del centro destra, l’assessore regionale alla sanità, che in più occasioni sono stati insieme a farsi foto e a prendersi meriti non si sa di cosa, non hanno niente da dire alla città? Magari potrebbero iniziare dal chiedere scusa. Sulla salute delle persone, non si può e non si deve scherzare. I cittadini hanno diritto a saperne di più e soprattutto ad avere al più presto l’ospedale dove potersi ricoverare per curare le malattie non dovute al Covid, che sono molte di più e non sono assolutamente scomparse. Basta bugie sull’ospedale, troppe sono state fino adesso. Basta propaganda politica sulla salute dei cittadini”.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta