Emanuele Filiberto vorrebbe entrare in politica: “Servono piani concreti per l’Italia. Basta con la politica dei selfie con la bandiera”

redazione

Emanuele Filiberto vorrebbe entrare in politica: “Servono piani concreti per l’Italia. Basta con la politica dei selfie con la bandiera”

Condividi su:

sabato 11 Luglio 2020 - 18:07
Emanuele Filiberto vorrebbe entrare in politica: “Servono piani concreti per l’Italia. Basta con la politica dei selfie con la bandiera”

Emanuele Filiberto, in un’intervista al Corriere della Sera, ha espresso il suo desiderio di entrare in politica con la sua nuova associazione Realtà Italia. “Basta con la politica dei selfie con la bandiera. Servono piani concreti per l’Italia che così, a ripartire non ce la fa. E cosa han fatto i politici, mentre tutti gli altri in Europa hanno prodotto soluzioni vere?“, questa sono le parole dell’erede Savoia.

Il suo sogno è quello di dare risposte concrete agli italiani e dichiara: “Se Realtà Italia, il nome della mia nuova associazione, sarà in futuro un movimento politico o se resterà un movimento di idee per l’Italia non lo so. Ma se deve finire in politica, che sia. Dico quel che penso: non è questa l’Italia che sognavo in esilio. I giovani senza futuro“.

Parla anche della sua esperienza di business in America e di come abbia ricevuto subito aiuti per contrastare la crisi creata dal Covid: “Non mi convince il governo e neppure l’opposizione che riempie le piazze. Negli Usa ho un’attività di ristorazione on the road con i truck Prince of Venice. Con il Covid ho dovuto chiudere due mesi, mettere i dipendenti in cassa integrazione… bene tutti hanno subito ricevuto un bonus di lavoro“.

Quanto agli affari, in tempo di crisi è l’ora di cogliere opportunità: sto rilevando nuovi locali per ampliare poi il business. E intanto con Realtà Italia porterò a un tavolo virtuale imprenditori del turismo e della bellezza. Questa sarà un’estate di idee per il Paese che amo. Ma non c’è visione di lungo termine, sanità e scuola da ricostruire, disoccupazione“.

Emanuele conclude dicendo che non gli serve la politica per vivere: “E non dico di avere la soluzione ma i giusti contatti per mettere attorno a un tavolo persone che saprebbero cosa fare: sono solo un aggregatore, un incubatore o un incanalatore di idee“.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta