Coronavirus, Lo Curto: “Nella finanziaria regionale somme per le famiglie e le categorie più danneggiate”

Gaspare De Blasi

Coronavirus, Lo Curto: “Nella finanziaria regionale somme per le famiglie e le categorie più danneggiate”

Condividi su:

martedì 24 Marzo 2020 - 17:33
Coronavirus, Lo Curto: “Nella finanziaria regionale somme per le famiglie e le categorie più danneggiate”

“Occorre rivedere i termini per l’approvazione di bilancio e finanziaria della Regione, oltre la scadenza dell’esercizio provvisorio. Credo che lo slittamento sia necessario in quanto legato alle misure da adottare per far fronte all’emergenza coronavirus”. E’ quanto afferma la deputata regionale Eleonora Lo Curto.

“Gli strumenti finanziari della Regione debbano essere ripensati per sostenere economicamente famiglie, imprese e micro-imprese duramente provate dalla pandemia. La legge di stabilità finanziaria regionale dovrà essere snella e con pochi articoli dedicati a sostenere quanti a causa della emergenza Covid-19 stanno subendo danni economici rilevanti. Penso soprattutto alle micro-imprese che esercitano nel settore del commercio nei mercati e agli ambulanti costretti alla serrata che non hanno di cosa vivere in questo momento.

Per gli agricoltori e i pescatori occorre ottenere che il governo nazionale insieme a Bruxelles rivedano alcune misure in modo da dislocare nuove risorse che facciano fronte alla siccità, rimpinguino la misura per la riduzione dei fitofarmaci e aiutino il modo della pesca. Ma il mio pensiero è rivolto anche alle famiglie indigenti che dovranno avere un sostegno economico con norme ad hoc da inserire nella finanziaria. Servono infatti misure che spostino le risorse dalla Regione ai Comuni che sono gli enti che nel territorio conoscono, avendole censite, le situazioni che necessitano di sostegno economico. Per questa ragione occorre anche prevedere deroghe alla spesa corrente dei Comuni per il settore sociale, con spazi finanziari che bypassino il patto di stabilità interno degli Enti locali”.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta