Il Consiglio comunale di Alcamo ha iniziato la discussione sul DUP 2019-2021

redazione

Il Consiglio comunale di Alcamo ha iniziato la discussione sul DUP 2019-2021

Condividi su:

Tuesday 20 November 2018 - 17:29

Questa sera sarà messo in votazione, all’interno dell’Aula Falcone-Borsellino, l’atto di programmazione triennale. Nel corso della seduta consiliare, tenutasi al Palazzo di città nel tardo pomeriggio di ieri, è stato approvato anche un debito fuori bilancio.

Il Consiglio comunale si è riunito al Palazzo di città nel tardo pomeriggio di ieri per discutere il Documento Unico di Programmazione (DUP) 2019-2021 che sarà sottoposto al voto dell’Aula Falcone-Borsellino questa sera. L’atto di programmazione triennale è arrivato con qualche mese di ritardo, rispetto a quanto stabilito dalla legislazione vigente che fissa il termine di approvazione, da parte del Consiglio comunale, non oltre il 30 settembre. Tuttavia, per la prima volta dal suo insediamento, la giunta guidata dal sindaco Domenico Surdi è riuscita a sottoporre all’Aula Consiglio la discussione sul documento di programmazione del prossimo triennio in tempi ragionevoli. Infatti, l’approvazione del bilancio di previsione 2019-2021, atto successivo al DUP, avverrà verosimilmente entro la fine dell’anno riportando la gestione dell’ente in carreggiata dal punto di vista della tempistica della deliberazione dei provvedimenti più importanti e incisivi di una amministrazione. Proprio sulla tempistica dell’approdo in Aula consiliare del DUP si è soffermato il primo cittadino, il quale non ha nascosto soddisfazione per l’approvazione già in giunta avvenuta con un pò ritardo. “Credo che sia un’enorme conquista perché arrivare nel 2018 a parlare del DUP 2019-2021, sicuramente, ci dà la possibilità a tutti di potere fare una discussione e, poi, un’approvazione consapevole”, ha affermato. Il suo intervento è succeduto alla votazione da parte dei consiglieri comunali di due proposte del gruppo federato ABC- Alcamo Cambierà concernenti l’organizzazione dei lavori del consesso civico: una è stata presentata dal consigliere Mauro Ruisi e stabiliva la riserva della presentazione di mozioni e risoluzioni sul DUP nella giornata di oggi, lasciando a ieri l’illustrazione dell’atto di programmazione alla giunta pentastellata; l’altra è stata mostrata ai colleghi dal consigliere Gino Pitò e invitava il Consiglio comunale a rinviare di una settimana la votazione del provvedimento amministrativo. Quest’ultima proposta è decaduta a seguito dell’approvazione della prima con 21 voti favorevoli e tre contrari (Rita Norfo, Giovanni Calandrino e Giacomo Sucameli). Una delle novità annunciate dal sindaco Surdi, dunque, ha riguardato la riorganizzazione degli uffici comunali, i quali, come poi specificato dall’assessore Fabio Butera, verterà sulla introduzione di una terza struttura tecnica che si occuperà in particolare della manutenzione straordinaria. Tre, infatti, sono stati gli interventi annunciati dal primo cittadino e che riguardano: le strade, la rete idrica e fognaria e l’illuminazione pubblica. Il sindaco Surdi ha poi ribadito il proseguo della collaborazione con l’Università palermitana per quanto riguarda la stesura del Piano del traffico, del Piano sul centro storico e dell’utilizzo dell’Urban center, in Piazza della Repubblica, e il tanto atteso schema di massima del Piano Regolatore Generale. L’amministrazione 5 stelle ha inoltre comunicato di volere puntare sulle periferie e sul servizio di trasporto urbano. Una decisione, quest’ultima, che ha preso piede durante la settimana della mobilità che ha visto l’impiego di un autobus urbano, utilizzato soprattutto da parte di giovani studenti ed anziani. A questo va aggiunto il progetto di una pista ciclabile, il cui circuito cittadino sarebbe già stato pensato. Inoltre, il primo cittadino ha annunciato di volere dare maggiore autonomia all’ufficio turistico sito nel c.d. Corso stretto, scorporandolo dall’URP. Si sta anche vagliando di sperimentare la gestione esterna dei musei e della Cittadella dei giovani. Invece, per quanto concerne l’Enoteca Regionale, con sede al Castello dei Conti di Modica, si sta lavorando in prospettiva della costituenda associazione regionale del vino.

Nel Documento Unico di Programmazione non sono state inserite imponenti opere, ma un’unica grande opera che concerne appunto la manutenzione, come ha sottolineato il vicesindaco Vittorio Ferro. “È come se stessimo lavorando al progetto di una nuova macchina”, ha affermato l’assessore all’urbanistica paragonando il Piano Triennale all’impresa di progettazione del telaio nella formula 1. Poi, ha annunciato, tra i vari lavori pubblici pensati, la riqualificazione delle aree a margine del centro storico con il potenziamento degli spazi pedonali; l’attuazione di bandi  che riguardano l’efficientamento energetico e l’illuminazione pubblica; il progetto di video sorveglianza. A ciò va aggiunta la messa in sicurezza degli edifici scolastici ( 10 in totale) e degli impianti sportivi. Il vicesindaco Ferro ha ricordato inoltre che su Alcamo Marina si attendono i progetti della rete idrica e fognaria, oltre alla realizzazione dei parcheggi che sono stati previsti con l’attuale Piano triennale. Infine la c.d. “tangenziale”, in collegamento con la SP47, sembra rappresentare davvero l’opera più importante dal punto di vista della rete stradale, rientrando ancora tra le priorità della giunta pentastellata. Lavori che necessitano, sicuramente, di una dirigenza al completo. Per tale motivo, l’assessore al bilancio Butera ha spiegato che saranno previsti concorsi nonché le attese stabilizzazioni dei precari. Il membro della giunta Surdi si è soffermato anche su un tema caro ai 5 Stelle, ossia la connettività. Da quest’anno, infatti, è entrato in funzione il nuovo sito del comune e la nuova applicazione “Municipium” all’interno della quale è stata inserita volutamente la voce “Protezione civile” per avvisare i cittadini in tempo reale, in caso di necessità,  e la notifica push. Si sta ancora lavorando per mettere in collegamento wifi i diversi settori dell’ente. Invece, si è in attesa dell’esito del bando europeo sul wifi cittadino. Nel corso dell’anno saranno, poi, acquistati diversi software, come quello sullo sportello unico dell’edilizia, mentre saranno implementati per agevolare i cittadini software come  “Pago P.A.”, speed, il cambio di residenza online, l’E-procurement per le gare elettroniche, e la schematizzazione degli incidenti stradali. Si è ancora in attesa del regolamento sulle rateizzazioni. In corso è, invece, il bando sul bilancio partecipato. Proprio ieri sera l’assessore ha annunciato che sono arrivate 46 proposte da parte dei cittadini. Successivamente, l’assessore all’ambiente Vito Lombardo, alle prese con il suo primo DUP da membro della giunta, è ritornato sulla tempistica dell’approvazione dell’atto di programmazione del triennio 2019-2021, affermando che adesso non vi può essere più alcun alibi anche per i dirigenti comunali, i quali dovranno impegnarsi per attuare quanto pianificato dalla politica. L’assessore Lombardo si è prima soffermato sulla sua delega al Servizio Idrico Integrato e sui lavori che verranno effettuati alla rete di Cannizzaro e Dammusi, oltre al bypass in funzione quasi a pieno regime, e, in particolare, su quella parte della condotta che dovrà essere sostituita per rendere più efficiente l’approvvigionamento idrico. Si sta operando ancora sul telecontrollo per monitorare le eventuali perdite. Per quanto concerne la delega allo sport, l’assessore ha comunicato che il controllo statico della tribuna dello stadio Lelio Catella è stato fatto nel 2013 e che ha una scadenza decennale. Quindi, non sarà necessario intervenire subito. Anche per quanto riguarda gli impianti sportivi, si sta pensando all’affidamento alle associazioni, dopo la messa in sicurezza sopracitata dal vicesindaco Ferro. L’assessore all’ambiente non è entrato nel merito dell’affidamento del servizio rifiuti, visto che è ancora in corso il bando di gara c.d. Pre-Aro. Invece, entreranno presto in funzione le guardie ambientali che saranno da supporto alla polizia municipale nel controllo del territorio. Per quanto riguarda l’ex discarica si sta provvedendo alla sua messa in sicurezza. In tema di randagismo erano già state date informazioni sulla sterilizzazione e microchippatura al rifugio sanitario, in contrada Tre Noci, in occasione di un precedente Consiglio comunale. L’amministrazione grillina sta pensando di realizzare un’ “Oasi del cane” che si occupi dell’adozione degli animali a quattro zampe comunali, attualmente a Rocca di Neto in Calabria. Per quanto concerne la delega al patrimonio, il componente della giunta Surdi ha informato l’Aula Consiglio che finalmente si starebbe in procinto di alienare il famoso “Villino Patti” e le particelle del Bis Bar e del Collegio dei Gesuiti. Su quest’ultimo si sta mettendo mano, tra l’altro, all’ascensore, la cui funzione è parecchio datata. Inoltre, l’assessore Lombardo ha ricordato il lavoro che è stato fatto dalla seconda commissione consiliare, di cui è stato presidente, con il regolamento dei beni confiscati e che ha permesso anche la realizzazione della “Dimora degli artisti” presso una residenza confiscata a Vito Nicastri. L’assessore Lorella Di Giovanni è ritornata invece, nel corso del suo intervento, sul tema dell’Enoteca Regionale già anticipato dal primo cittadino. L’assessore alla cultura, inoltre, ha espresso soddisfazione per la continuità e l’offerta degli eventi da parte delle associazioni presenti sul territorio. La città, tra le tante manifestazioni organizzate, in questi ultimi anni si è sempre più contraddistinta per i suoi festival musicali. Tra le novità annunciate dall’assessore alla cultura, va sottolineata l’istituzione del Premio Cielo d’Alcamo, seguita anche dalla creazione di un Parco e da un logo registrato. In programma vi è anche la realizzazione di un roseto e probabilmente delle sculture per ricordare il poeta in Piazza della Repubblica. Il completamento del Museo degli strumenti multietnici, che contiene la collezione del maestro Fausto Cannone, e un progetto sulle fornaci romane saranno finanziati con bandi del GAL. Per quanto concerne la delega al turismo, l’assessore Di Giovanni ha ricordato che passi in avanti sono stati fatti con la comunicazione, tra cui la segnaletica turistica prevista, il sito internet e la stampa di materiale informatico. Inoltre, la presenza del Comune di Alcamo su due guide turistiche regionali costituisce un buon risultato in tal senso. Soddisfazione è stata espressa dal membro della giunta Surdi anche per l’acquisto degli arredi scolastici e per il servizio della mensa con la nuova gestione. Infine, l’assessore Di Giovanni ha ricordato all’Aula la manifestazione in corso “Nati per Leggere”, rivolta ai bambini da 0 a i 6 anni, di carattere nazionale. “Vogliano investire sulle nuove generazioni” ha dichiarato l’assessore alla cultura. Ha concluso la presentazione del DUP, l’assessore Stefano Alessandra, ultima new entry della giunta pentastellata. Per quanto concerne la delega al verde, ha precisato che è in atto una calendarizzazione degli interventi ed è in fase di progettazione un Piano del Verde. Accanto al progetto del roseto in Piazza della Repubblica, l’assessore Alessandra ha specificato che verranno riqualificate le rotatorie. Sulla mobilità, argomento affrontato in precedenza dal sindaco, l’assessore Alessandra ha affermato che verrà acquistato un autobus elettrico. Infine, per quanto concerne la sua delega ai servizi sociali si è espresso soddisfatto della Consulta H e della neo costituita Consulta alle Pari Opportunità. Nel corso della seduta consiliare,  è stato approvato anche un debito fuori bilancio, dopo 10 minuti di sospensione dell’assise per consentire all’ingegnere Anna Parrino di raggiungere l’Aula Consiglio. Il consesso civico ha così votato: 21 favorevoli, nessun contrario, 2 astenuti: Calandrino e Norfo. Durante le comunicazioni, invece, il sindaco Domenico Surdi ha voluto fare delle precisazioni sulle indiscrezioni giornalistiche dei giorni scorsi concernenti la nota dell’assessorato regionale chiamato ad esprimersi, su sollecitazione del consigliere comunale Giacomo Sucameli (Sicilia Futura), in merito alla legittimità di alcune delibere votate dalla giunta lo scorso giugno senza il c.d. plenum ( in attesa della sostituzione dell’assessore Russo dimissionario). La nota, ha chiarito il primo cittadino, non è chiara sul tipo di provvedimento da intraprendere, avendo lasciato la libera iniziativa all’ente. Inoltre, gli atti non potrebbero essere più impugnati per scadenza dei termini. Una possibilità che, comunque sia, non avrebbe preoccupato il sindaco, il quale ha spiegato che ha agito secondo le norme, in quanto l’eventuale illegittimità si riferisce al caso della revoca da parte del sindaco di un componente della giunta che, solo in questa ipotesi, deve essere contemporaneamente sostituito da un altro. E non dunque nella fattispecie delle dimissioni di un assessore, cosa che aprirebbe una crisi politica e necessiterebbe, per ovvie ragioni, di tempo nella scelta di un sostituto. “Non vorrei che l’assessorato nella fretta, magari di cambiare qualche dirigente, perché ho visto che questa questione è stata inizialmente assegnata ad un dirigente e, poi, è stata decisa da un altro ad interim, magari, nella fretta, non si è accorto, non ha inquadrato bene la fattispecie”, ha dichiarato il primo cittadino. Ed ha aggiunto “Per questo io, anche per amore di trasparenza e per non consentire agli altri comuni di perpetrare nell’eventuale illegalità, la sottoporrò agli organi superiori. Ho pensato di sottoporla anche al presidente dell’ANCI, magari, al suo segretario per darci un parere”.

Linda Ferrara

Condividi su: