In Regione un tavolo tecnico per discutere sul futuro dell’aeroporto di Birgi

redazione

In Regione un tavolo tecnico per discutere sul futuro dell’aeroporto di Birgi

Condividi su:

martedì 16 Gennaio 2018 - 15:34
In Regione un tavolo tecnico per discutere sul futuro dell’aeroporto di Birgi
Si è tenuto questa mattina, presso l’Assessorato Regionale dell’Economia a Palermo un tavolo di discussione sulle problematiche che investono l’aeroporto di Trapani – Birgi.
Al tavolo erano presenti: l’Assessore all’Economia e vicepresidente della Regione, Dott. Armao, l’Assessore alle Infrastrutture, Dott. Falcone, l’Assessore al Turismo, Dott. Pappalardo, il Commissario del Libero Consorzio Comunale di Trapani, Dott. Cerami, il Commissario Straordinario del Comune di Trapani, Dott. Messineo, la Sindaca di Erice, Dott.ssa Toscano, il Presidente del Consiglio Comunale di Erice, Dott. Tranchida e i rappresentanti del Comitato per il monitoraggio e la salvaguardia dell’aeroporto di Trapani, Rossella Cosentino, Daniele Maltese, Ezio Ricevuto, Luca Sciacchitano, che caldamente e tenacemente avevano richiesto questo incontro istituzionale.
La discussione, durata tutta la mattinata e proseguita in un clima collaborativo e propositivo da parte di tutti gli attori, ha evidenziato le criticità legate al futuro dell’aeroporto di Trapani e la voglia indiscussa da parte della Giunta Regionale a trovare una soluzione definitiva e condivisa sulla serie di emergenze che si sono succedute in questo ambito.
Recepite quindi le oltre 2000 firme, accompagnate da una completa relazione sulle legittime aspettative del Comitato e del territorio, gli assessori presenti si sono dati un paio di giorni per fare la quadra istituzionale sulle soluzioni da proporre e hanno indetto un’ulteriore tavolo tecnico per la settimana prossima.
Nello specifico, il comitato ha portato al tavolo un paio di proposte:
1) Il ri-utilizzo dei fondi in mano al Libero Consorzio Provinciale e l’impiego dell’IVA non utilizzata nel bando di co-marketing, finalizzandoli a un aumento dei flussi turistici. Si tratta di circa € 5.500.000;
2) La rimodulazione delle quote per il co-marketing assegnate ai comuni, includendo i comuni attualmente non presenti (Erice, Trapani, San Vito lo Capo).
“Esprimiamo – fanno sapere dal Comitato per il monitoraggio e la salvaguardia dell’aeroporto di Trapani – il nostro apprezzamento per la serietà e la professionalità mostrata da tutti gli attori durante l’incontro odierno nonché la volontà manifesta di risolvere un problema che incide sulla qualità della vita di tutto il territorio provinciale”.

Condividi su: