Ars: approvato il ddl sugli appalti proposto dal mazarese Sergio Tancredi (M5S)

redazione

Ars: approvato il ddl sugli appalti proposto dal mazarese Sergio Tancredi (M5S)

Condividi su:

Wednesday 08 July 2015 - 18:10

L’Assemblea Regionale Siciliana ha approvato il disegno di legge ideato per tutelare imprenditori e cittadini dal blocco continuo degli appalti pubblici. Una pratica divenuta nel tempo frequente, a causa degli eccessivi ribassi che hanno impedito il completamento delle opere in molte realtà siciliane. Primo firmatario del ddl il portavoce regionale del M5S Sergio Tancredi, che ha espresso la propria soddisfazione per la votazione di ieri a Sala d’Ercole. Si tratta di una legge nata in seno alla commissione Ambiente, presieduta del parlamentare M5S Giampiero Trizzino, e che ha beneficiato di un dibattito vero, frutto dell’incontro di numerose categorie professionali, dirigenti regionali ed esperti del settore. “Il testo – sottolinea il deputato regionale mazarese – offrirà finalmente una boccata d’ossigeno alle aziende siciliane. La soglia di anomalia di questa norma, infatti, introduce una variabile che rende impossibile la creazione di offerte anomale e, quindi, mai più ribassi così elevati; il tutto ovviamente, senza ledere la concorrenza”. “L’unico interesse, – concludono in una nota congiunta i due parlamentari M5S Tancredi e Trizzino – una vera occupazione e la tutela delle imprese oltre che di tutti i cittadini siciliani”. Il testo, tra le altre cose, fa riferimento anche alla necessità di tutelare le gare pubbliche dalle infiltrazioni della criminalità organizzata.

Ha votato a favore del ddl anche il gruppo di Sicilia Democratica “Ribassi eccessivi hanno, nel corso del tempo, danneggiato l’Isola lasciando incompiute molte opere e consentendo che Aziende senza scrupoli, vincessero gare basandosi su ribassi non adeguati a garantire la corretta realizzazione delle opere stesse – spiega il capogruppo Totò Lentini – La modifica della norma consentirà alle Stazioni appaltanti la possibilità di selezionare i concorrenti valutandone in maniera più approfondita caratteristiche aziendali e procedure di aggiudicazione”.

Condividi su: