Ordine dei medici: venti commissioni per monitorare le aree sanitarie più importanti

Audrey Vitale

Ordine dei medici: venti commissioni per monitorare le aree sanitarie più importanti

Condividi su:

Sunday 01 February 2015 - 15:27

Inizia con l’istituzione di  venti Commissioni che si occuperanno di monitorare le aree più importanti del settore sanitario l’attività del nuovo consiglio dell’Ordine dei medici di Trapani presieduto dal neo eletto Rino Ferrari.

Nel corso del primo consiglio sono state, infatti, istituite specifiche commissioni finalizzate a creare condizioni di collaborazione tra i vari segmenti della sanità e una più proficua collaborazione tra medici e territorio.

“Le commissioni – ha detto il presidente Rino Ferrari – si articoleranno attraverso la partecipazione delle diverse realtà mediche delle provincia per un coinvolgimento di tutte le figure professionali, dall’ospedalità privata e pubblica ai medici del territorio e di famiglia”. In particolare i gruppi di lavoro sono stati individuati nelle venti Commissioni “Settore formazione rapporti con società scientifiche”, “Continuità assistenziale e Pip”, “Medicina specialistica interna ed esterna”, “118 ed emergenza sanitaria territoriale”, “Ospedalità privata”, “Giovani medici”, “Medici dipendenti”, “Medici del territorio”, “Medici pediatri”, “Medici pensionati”, “Medicina legale”, “Medicina del lavoro”, “Rapporti con il mondo del volontario”, “Medicine non convenzionali”, “Integrazione ospedali del territorio”, “Oncologia e cure palliative”, “Medicina dello sport ed eventi sportivi”, “Ospedalità pubblica”, “Medici precari” e “Albo psicoterapeuti”.

“Il nostro obiettivo – ha detto Ferrari – è che far in modo che le Commissioni siano complementari all’attività del consiglio al fine di colmare il gap che spesso si verifica tra gli operatori sanitari e per creare un lavoro sinergico nell’interesse della categoria e della salvaguardia della salute dei cittadini”. Nei prossimi giorni saranno individuati i componenti e i presidenti delle Commissioni.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Commenta