Il Marsala calcio si aggiudica il derby con il Mazara e va in fuga

redazione

Il Marsala calcio si aggiudica il derby con il Mazara e va in fuga

Condividi su:

lunedì 12 Gennaio 2015 - 17:30
Il Marsala calcio si aggiudica il derby con il Mazara e va in fuga

Missione compiuta! Il Marsala calcio si è aggiudicato lo scontro diretto contro il Mazara ed ha allungato sulle dirette concorrenti per il salto di categoria. Si tratta della prima vera fuga stagionale; infatti, in virtù delle concomitanti sconfitte dell’Atletico Campofranco (in casa con il Pro Favara) e della Parmonval contro l’Alcamo del neo tecnico Capodicasa, gli azzurri di Rosario Pergolizzi sono saliti a quota 36 punti ed hanno allungato sulle rivali.
Il quarto confronto stagionale contro i canarini di mister Nicola Terranova ha sancito le gerarchie in classifica confermando l’ottimo stato di forma del sodalizio azzurro. Come accaduto anche nel match di Coppa Italia con la Parmonval, gli azzurri sono scesi in campo con la giusta cattiveria agonistica ed hanno schiodato lo 0-0 dopo appena 9’ minuti di gioco. Bella azione sull’out di destra, cross perfetto del solito Vincenzo Riccobono per la testa di Cortese cha ha dovuto semplicemente spingere in rete la palla dell’1-0. Rotto l’equilibrio, Genesio e compagni hanno controllato agevolmente la gara senza correre mai nessun pericolo e, prima del riposo, con un’azione fotocopia hanno ipotecato i tre punti. E’ cambiato solo l’autore della rete: cross del solito Riccobono, per lui il 16 assist, ed incornata vincente di Davide Testa, miglior realizzatore azzurro.
Nella ripresa, il Marsala non ha concesso campo al Mazara, apparso stordito dall’ottimo primo tempo disputato dai locali, ed ha chiuso definitivamente il match con la quarta rete stagionale di Totò Maltese, bravo a depositare in rete dopo un batti e ribatti in area canarina.
La partita è poi scemata di tono, non solo per il risultato, ma anche per via dell’espulsione di Esposito, uscito anzi tempo per doppia ammonizione, e per l’infortunio del giovane Falsone che ha lasciato in 9 la propria squadra perché non vi erano più “juniores” a disposizione per subentrare.
I lilybetani non hanno voluto infierire e non hanno più affondato, cercando di preservare le energie per il proseguo della stagione. Dopo due giorni di libertà concessi dal tecnico, la squadra si ritroverà domani agli ordini di Pergolizzi per preparare la delicata sfida di Cammarata, in programma domenica prossima, e la finale di coppa Italia che dovrebbe giocarsi a Mascalucia mercoledì prossimo.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta