Oltre tre milioni per lo scalo di Birgi, la delibera della Giunta regionale prevede l'aumento di capitale sociale dell'Airgest

Claudia Marchetti

Oltre tre milioni per lo scalo di Birgi, la delibera della Giunta regionale prevede l'aumento di capitale sociale dell'Airgest

Condividi su:

mercoledì 19 Novembre 2014 - 11:41
Oltre tre milioni per lo scalo di Birgi, la delibera della Giunta regionale prevede l'aumento di capitale sociale dell'Airgest

La Giunta regionale ha adottato la delibera che destina 3 milioni e 400mila euro all’aumento del capitale sociale dell’Airgest, la società che gestisce l’aeroporto di Birgi. Ora lo scalo della provincia di Trapani, il più importante hub low cost Ryanair del Mezzogiorno, può guardare con ancora maggiori certezze al futuro, essendo stato così messo anche nelle condizioni di utilizzare il finanziamento di 10 milioni di euro dell’Accordo di Programma Quadro per l’ampliamento dello stesso, sbloccato alla Regione pochi mesi fa.

Baldo-Gucciardi

La notizia si faceva attendere con ansia da più parti: dagli operatori del settore turistico del territorio della Provincia, dai commercianti e da quanti per lavoro o altro, devono muoversi con l’aereo. Lo ha comunicato ieri il Presidente del gruppo del PD all’Ars, Baldo Gucciardi. “Il presidente Crocetta – ha dichiarato Gucciardi – ha mantenuto ancora l’impegno di sostenere l’aeroporto trapanese, vera infrastruttura strategica per lo sviluppo dell’intera Sicilia occidentale. Con l’aumento del capitale sociale dell’Airgest e con il conseguente ormai realizzabile ampliamento della struttura aeroportuale, reso possibile dalla ricapitalizzazione della società, è stato ulteriormente potenziato l’aeroporto di Birgi e consolidato un processo di sviluppo che va oltre la provincia di Trapani. Un grato apprezzamento va dunque al presidente della Regione ed al neo assessore all’Economia Alessandro Baccei che, anche con quest’atto, dimostrano di avere a cuore concretamente lo sviluppo economico-sociale della Sicilia”.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta