Il Consiglio comunale approva il rendiconto dell’esercizio finanziario 2013 e quattro debiti fuori bilancio

vincenzofiglioli

Il Consiglio comunale approva il rendiconto dell’esercizio finanziario 2013 e quattro debiti fuori bilancio

Condividi su:

domenica 31 Agosto 2014 - 11:29

Il Consiglio Comunale di Marsala ha approvato, a maggioranza, il rendiconto della gestione dell’esercizio finanziario 2013. L’atto deliberativo è stato esitato favorevolmente dopo che in aula è stata illustrata un’apposita relazione predisposta dal dirigente del settore Finanze Nicola Fiocca e del revisore dei conti Baldassare Ferro.  Undici i consiglieri che con il loro voto hanno consentito l’approvazione dell’atto (Sturiano, Marrone, Fici, De Maria, Ingrassia, Rodriguez, Eleonora Milazzo, Russo, Michele Accardi, Fazzino e Galfano). Voto contrario è stato espresso da Carnese, Anastasi e Genna, mentre si sono astenuti Pino Milazzo, Angileri e Titone.

Nella stessa seduta di venerdì pomeriggio il massimo consesso civico ha anche approvato quattro debiti fuori bilancio. Un acceso dibattito si è invece scatenato in merito all’ordine del giorno presentato dal presidente Sturiano e da altri consiglieri in cui si invitava l’amministrazione comunale a revocare in autotutela l’avviso pubblico per l’assegnazione dei beni immobili comunali alle associazioni o enti vari non aventi fini di lucro. Messo ai voti, l’atto è stato bocciato, alla luce di soli sei voti favorevoli ottenuti e di undici astensioni. Tuttavia, il presidente Enzo Sturiano ha informato già in aula il commissario straordinario Giovanni Bologna che intende presentare all’inizio della settimana un atto di indirizzo con cui chiederà chiarimenti ai dirigenti e allo stesso commissario per stabilire effettivamente se sono stati commessi abusi o irregolarità nell’assegnazione di locali da quando il consiglio ha approvato l’apposito regolamento. Da parte sua, Bologna ha assicurato che seguirà con attenzione la questione sottolineando comunque che un Comune non può pagare affitti passivi (e il Comune di Marsala, come affermato dal dirigente Settore Finanze Nicola Fiocca ne paga oggi per circa 280 mila euro, specie per le esigenze del Tribunale) se ha nella disponibilità immobili di proprietà o confiscati alla mafia con stessa destinazione d’uso.

Nel corso della seduta, inoltre il consigliere Rosanna Genna ha denunciato lo stato di abbandono in cui versa lo scorrimento veloce, sottolineando i potenziali pericoli per le vetture in transito, in particolare per quanto riguarda la galleria, totalmente al buio. Il consigliere ha inoltre chiesto di verificare se sono state osservate le corrette procedure nell’apertura dello svincolo dove insiste il distributore di carburante, in cui si sono verificati alcuni incidenti. Il commissario Bologna, da parte sua,  ha assicurato che si attiverà per accertarsi che sono state rispettate le norme di legge e se ci siano effettivamente pericolosità oltre i limiti tollerabili. Inoltre ha auspicato che in sede di bilancio siano previste ulteriori somme per la manutenzione e la messa in sicurezza delle strade marsalesi.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta