Dopo l’incontro USR-sindacati, niente attribuzione delle supplenze nelle scuole trapanesi

redazione

Dopo l’incontro USR-sindacati, niente attribuzione delle supplenze nelle scuole trapanesi

Condividi su:

Sunday 25 September 2022 - 17:39

Saranno rettificate le operazioni per l’attribuzione delle supplenze nelle scuole trapanesi. Lo aveva assicurato alle sigle sindacali la dirigente dell’Ambito territoriale scolastico di Trapani Antonella Vaccara in occasione di un incontro che si è svolto ieri tra organizzazioni sindacali e direzione dell’Ambito trapanese.

erano presenti i segretari provinciali di Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal, Gilda Unams e Anief Trapani, rispettivamente Vito Cassata, Fulvio Marino, Clelia Casciola, Antonella Ognibene e Lidia Ernandez.

Abbiamo messo in evidenza i numerosi errori riscontrati nelle operazioni e la necessità di procedere alle correzioni per ripristinarne la legittimità. La dirigente ha dimostrato attenzione alle nostre osservazioni e si è impegnata alla rettifica delle stesse entro la prossima settimana. Con l’occasione saranno, peraltro, aggiunte le disponibilità emerse a seguito di rinunce”.

Ma una settimana è già passata. E i docenti non hanno visto l’ombra dell’attribuzione delle supplenze in Provincia di Trapani. Il malcontento ad oggi è sempre più diffuso. Anche dai sindacati al momento bocche cucite.

I docenti sono pronti ad incontrare la dirigente dell’Ufficio scolastico regionale per capire dove sta l’inghippo, perchè non c’è ancora nessuna notizia e domani è già lunedì. I docenti non sanno ancora dove e quando saranno assegnati.

Con enormi disagi non solo per gli insegnanti, ma anche per gli studenti, soprattutto i più fragili e alle loro famiglie.

In molti stanno riscontrando degli errori e questo sta creando una situazione di assoluta incertezza. E sembra che nessuno si assuma la responsabilità di quanto sta succedendo. “Tutto è rimasto in aria, senza niente scritto”, ci dice qualche docente che è rimasto in questo limbo.

L’effetto domino che si sta creando in questa vicenda si sta ripercuotendo anche in altri ambiti che toccano la scuola.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Commenta