Genova si ferma nel giorno del crollo del Ponte Morandi: 4 anni di dubbi e ricostruzione

redazione

Genova si ferma nel giorno del crollo del Ponte Morandi: 4 anni di dubbi e ricostruzione

Condividi su:

Sunday 14 August 2022 - 09:33

Si sono aperte a Genova, con un concerto alla Radura della Memoria sotto il Ponte di Renzo Piano, le celebrazioni per ricordare le 43 vittime del crollo del Ponte Morandi, avvenuta il 14 agosto 2018. Oggi previsti alcuni appuntamenti, tra cui la deposizione di una corona di alloro della presidenza del Consiglio dei ministri.

È stata la musica classica a dare avvio alle celebrazioni per ricordare la tragedia del 14 agosto di quattro anni, quando crollarono nel vuoto le auto che alle ore 11,36 stavano attraversando il ponte autostradale che sovrasta la città della Lanterna. Alla memoria delle 43 vittime è stato dedicato il concerto di musica classica eseguito sotto il Ponte San Giorgio dall’Accademia del Chiostro insieme agli archi e al soprano Stefania Pietropaolo.

Per ricordare il momento esatto in cui quattro anni fa si verificò il crollo, è stato programmato un minuto di silenzio accompagnato subito dopo dal suono delle sirene delle navi ormeggiate nel porto e delle campane di tutta la diocesi. Sempre alla musica è affidata invece la chiusura della commemorazione con l’esecuzione di una composizione del Maestro Nevio Zanardi.

Saranno presenti anche il ministro alle Infrastrutture e mobilità sostenibili Enrico Giovannini, che depositerà una corona di alloro della Presidenza del Consiglio – e il segretario della Lega Matteo Salvini. Sono previsti interventi dell’imam Salah Hussein, dell’arcivescovo di Genova monsignor Marco Tasca, del sindaco di Genova Marco Bucci, del presidente Regione Liguria Giovanni Toti e del rappresentante dei parenti delle vittime Egle Possetti. 


Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Commenta