L’I. C. “Rita Levi-Montalcini” di Partanna riceve il Premio Valarioti-Impastato

redazione

L’I. C. “Rita Levi-Montalcini” di Partanna riceve il Premio Valarioti-Impastato

Condividi su:

mercoledì 22 Dicembre 2021 - 11:52

Si è svolta lo scorso 20 dicembre, nell’auditorium del liceo Piria di Rosarno, la cerimonia di consegna del Premio Valarioti-Impastato che ha insignito varie personalità, associazioni, forze dell’ordine che si sono distinti nel campo della cultura e dell’impegno antimafia. Alla cerimonia hanno partecipato anche la sottosegretaria Dalila Nesci e la deputata Piera Aiello, la parlamentare partannese sotto scorta che figura nel Comitato organizzatore del riconoscimento creato dalla scuola diretta dalla preside Mariarosaria Russo.

I premiati di questa sesta edizione sono stati il procuratore di Vibo Valentia, Camillo Falvo, l’archeologa Mariangela Preta, Bruna Siviglia, Antonio Reppucci, Saverio Fortunato, Francesco Gui, Renato Cortese, Nicodemo Vitetta, i poliziotti di Crotone che salvarono alcuni migranti durante uno sbarco, Nicola Clemenza, Giuseppe Francesco Zumbo, Niki Cordopatri, Margherita Landa e Filippo Misuraca, la scuola Levi Montalcini di Partanna, e alla memoria il giudice Pasquale Ippolito e Filippo Ceravolo, il ragazzo ucciso 9 anni fa a Soriano Calabro, per quest’ultimo, a ritirare il premio vi era il padre Martino.

Per la consegna del Premio, che gode anche del patrocinio del Comune, presenti in sala pure la commissaria Roberta Mancuso, nonchè i familiari di Giuseppe Valarioti, il segretario del Pci rosarnese ucciso nel 1980.

Alla ceromonia ha partecipato la docente Francesca Signorello, in rappresentanza dell’I.C. Rita Levi-Montalcini, referente per i progetti con gli enti esterni, che ha curato in particolare la realizzazione del video presso il Gretto di Burri dell’anno scolastico scorso.

Di seguito la motivazione di attribuzione del premio:

Realtà scolastica della provincia di Trapani, che negli anni si è contraddistinta per avere dedicato ampi spazi di riflessione alla storia dell’antimafia sociale in commemorazione delle numerose vittime di mafia e dei sopravvissuti.

L’istituto impegnato nel progetto “Cultura e legalità”, in un territorio difficile, si pone come modello educativo atto a far acquisire alle giovani generazioni, una maggiore consapevolezza della giustizia sociale contrastando ogni forma di illegalità ed illegittimità.

Sono particolarmente orgoglioso dell’attribuzione del premio “Valarioti-Impastato” 2021 all’Istituto comprensivo “Rita Levi-Montalcini” di Partanna, scuola che mi onoro di dirigere dal settembre scorso – ha dichiarato il dirigente scolastico Giuseppe Inglese. L’educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva rappresenta un valore irrinunciabile per la nostra offerta formativa e uno strumento efficace contro dispersione scolastica, microdelinquenza e bullismo nelle sue diverse forme.

La scuola è di per sé uno strumento della cultura della legalità, in quanto è espressione di un modello positivo di società e comportamento e ha la funzione di rendere i giovani parte attiva nel processo di prevenzione e contrasto ai fenomeni mafiosi e alla criminalità organizzata.

I nostri ragazzi rappresentano l’espressione più bella e più pura del coraggio,dell’umanità , del senso del dovere e l’Italia di cui andare orgogliosi!

Forti di questo prestigioso riconoscimento, continueremo a lavorare in questa direzione.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta