Lele Pugliese: “Sul contrasto alla microcriminalità, i vari tavoli tecnici hanno fallito”

redazione

Lele Pugliese: “Sul contrasto alla microcriminalità, i vari tavoli tecnici hanno fallito”

Condividi su:

mercoledì 10 Novembre 2021 - 07:28

Non appena insediati in Consiglio comunale, ormai oltre un anno fa, i consiglieri del gruppo Liberi presentarono un Atto d’indirizzo relativo alla situazione dell’ordine pubblico.

“L’atto fu approvato dall’Aula- ci ha detto il consigliere Lele Pugliese – e riguardava una questione che allora come adesso, preoccupava gran parte dei nostri concittadini: il costante incremento di episodi di microcriminalità”. Pugliese ci ha detto che i fatti di cronaca aventi per oggetto risse o violenze varie nel centro storico soprattutto, non sono diminuiti anzi nell’ultimo sono aumentati tanto che

“…in uno di questi episodi ci è pure scappato il morto. Numerosi sono stati i segnali d’allarme lanciati da singoli cittadini, associazioni e rappresentanti di categoria. Purtroppo i cosiddetti tavoli tecnici, le riunioni tematiche per cercare soluzioni non sono serviti a nulla malgrado l’impegno delle Forze dell’Ordine che sono state impiegate nei vari servizi. Occorrono nuove e più efficaci soluzioni per fronteggiare tale criticità. Coinvolgere un maggiore numero di agenti sul territorio è una soluzione primaria così come distribuire gli incarichi, dando compiti diversi anche alle varie forze schierate in campo che soprattutto nel centro storico con la loro presenza discreta ma costante, possano servire da deterrente contro i fenomeni che registriamo ormai quasi ogni sera”.

Per Pugliese occorre che il prefetto di Trapani coinvolga l’esercito assegnando loro compiti specifici. “Per quanto attiene il nostro comune e le nostre istituzioni in particolare, io credo che il sindaco debba maggiormente coinvolgere le associazioni di protezione civile e di volontariato che a Marsala sono presenti”. Infine il consigliere comunale di Liberi che dovrebbe transitare a breve nel gruppo di Fratelli d’Italia “non lo escludo ma non lo posso datare”,

lancia un messaggio a tutti i suoi colleghi consiglieri comunali: “l’ordine pubblico e il vivere in sicurezza non è argomento che riguarda la minoranza o la maggioranza, dobbiamo tutti insieme spingere per una soluzione comune del problema”.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta