Incendio sul monte Inici, in fiamme 500 ettari di bosco. Il sindaco di Castellammare: “Ennesimo gesto vile”

redazione

Incendio sul monte Inici, in fiamme 500 ettari di bosco. Il sindaco di Castellammare: “Ennesimo gesto vile”

Condividi su:

lunedì 29 Giugno 2020 - 16:02
Incendio sul monte Inici, in fiamme 500 ettari di bosco. Il sindaco di Castellammare: “Ennesimo gesto vile”

Circa 500 ettari di macchia mediterranea ed alberi sono andati in fumo a causa dell’incendio divampato sabato pomeriggio sul monte Inici, nel territorio di Castellammare del Golfo. Un bilancio, ancora una volta, doloroso per la comunità castellammarese. Tre anni fa, ai primi di luglio, un altro incendio aveva devastato poco meno di 200 ettari di bosco, poco prima che un ulteriore episodio si verificasse nella vicina Riserva dello Zingaro.

«L’incendio – spiegano il sindaco Nicolò Rizzo e l’assessore alla protezione civile Leonardo D’Angelo – è divampato alle ore 14,50 circa di sabato da un campo di grano privato adiacente lo stradale Inici e interessando il demanio di monte Inici, precisamente le contrade Parchi, Circhiaro, Badia, fino ad arrivare alla vetta della montagna. L’area bruciata è di inestimabile valore paesaggistico ambientale: circa 500 ettari di macchia mediterranea ed alberi.

Si tratta dell’ennesimo gesto vile di chi senza scrupoli crea un inestimabile danno di naturale ambientale, paesaggistica ed economica. Ringraziamo il corpo forestale, i vigili del fuoco, le associazioni di protezione civile, la croce rossa e quanti si sono impegnati lavorando alacremente sui luoghi per lo spegnimento dell’incendio, possibile anche con il supporto di due elicotteri ed un canadair, nonché per la successiva bonifica dei luoghi. Dal canto nostro intendiamo vigilare ancor più di quanto fatto fino ad ora perché gli interventi possano essere quanto più tempestivi possibile. Ed è stato subito convocato, prevedendolo giovedì mattina, il centro operativo comunale allargato alle forze dell’ordine e forestale».

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta