Marsala, per i consiglieri Sinacori e Coppola la questione dell’ordine pubblico ritorni centrale

redazione

Marsala, per i consiglieri Sinacori e Coppola la questione dell’ordine pubblico ritorni centrale

Condividi su:

giovedì 21 Maggio 2020 - 14:15
Marsala, per i consiglieri Sinacori e Coppola la questione dell’ordine pubblico ritorni centrale

Facendo seguito alla petizione di molti abitanti della contrada Tabaccaro che richiedono controlli del territorio più incisivi e corposi, i Consiglieri comunali Giovanni Sinacori e Flavio Coppola, puntano il dito tramite una nota stampa su un recentissimo fatto di cronaca.

“Siamo venuti a conoscenza – scrivono i due – di un gravissimo episodio accaduto nella notte tra il 20 e il 21 maggio nella contrada Ettore Infersa, ovvero di una rapina con l’introduzione in casa in presenza della proprietaria, per fortuna senza conseguenze fisiche per la nostra concittadina che, chiaramente è ancora in stato di choc, chiedianmo al sindaco di intervenire presso le Autorità per sottolineare come la situazione dell’Ordine e della Sicurezza a Marsala, abbisogna di una robusta attenzione”.


Secondo i due consiglieri … “La grande abnegazione e senso dello Stato delle Forze dell’Ordine hanno consentito che la situazione non degenerasse completamente, ma, è innegabile che la più volte denunciata carenza di organico e di mezzi delle Forze dell’Ordine, non consente appieno di garantire la sicurezza minima ai cittadini ed alle attività produttive.
E’un grido di allarme che va portato nelle sedi preposte senza tentennamenti e con grande determinazione, per continuare nell’azione intrapresa qualche tempo, quando per fronteggiare una recrudescenza dell’attività criminale, le Istituzioni hanno generato un’azione di contrasto che aveva sortito effetti positivi.
Sarebbe auspicale che, allentata l’Emergenza Covid-19, tornasse centrale la questione Ordine Pubblico e Sicurezza a Marsala, anche alla luce degli episodi sopra riportati e di tanti altri fatti, anche di portata inferiore, che testimoniano un grado di degrado da attenzionare”.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta