L’artista Davide Rossi sul palco di X Factor 13. Un sogno anche per il produttore Claudio Noto

redazione

L’artista Davide Rossi sul palco di X Factor 13. Un sogno anche per il produttore Claudio Noto

Condividi su:

lunedì 28 Ottobre 2019 - 12:35
L’artista Davide Rossi sul palco di X Factor 13. Un sogno anche per il produttore Claudio Noto
Una nuova sfida per il produttore Claudio Noto – che da anni attenziona la nostra realtà, a Marsala e in Provincia per la School of Talent di Roma – sul fronte della musica. Con il suo artista Davide Rossi, rietino, tenta la scalata televisiva di X Factor 13. Davide infatti, dopo aver superato le audizioni, i Bootcamp e gli Home Visit, è entrato tra gli Under Uomini guidati dalla coach-giudice Malika Ayane.
Davide Rossi fa il pieno di consensi pure alla prima serata live con il brano “How long has this been going on” di George Gershwin, pezzo scritto nel lontano 1928 ed interpretato magistralmente con un grande lavoro di produzione. Ottimi i commenti dei giudici Malika, Samuel dei Subsonica, Mara Maionchi e Sfera Ebbasta che hanno acceso l’entusiamo del pubblico verso Davide. “Un grazie
a chi mi ha sostenuto da casa. Il sogno continua”, afferma il giovane interprete.
Giovedì 31 ottobre, alle ore 21,15, il secondo appuntamento dei Live su Sky. 
Davide Rossi è un giovane cantante reatino con la passione per la musica. Inizia a prendere lezioni di canto a quattro anni per poi far parte del coro delle “Voci Bianche” di Santa Cecilia presso l’Auditorium “Parco della Musica” di Roma. Nel 2010 partecipa alla 4 edizione del programma televisivo di Rai 1 “Ti lascio una canzone” condotto da Antonella Clerici, vincendo anche la seconda puntata con la famosa canzone di Adriano Celentano “Storia d’amore”. Durante il programma, vince anche il premio della giuria con le canzon: “Il ragazzo della via Gluck” di Adriano Celentano e “Amico” di Renato Zero. Dopo l’esperienza televisiva accanto ad Antonella Clerici, per lui le porte della Rai restano aperte e infatti parteciperà al programma televisivo “Frate Indovino” condotto da Massimo Giletti e successivamente al concerto di fine anno “L’anno che verrà” condotto da Mara Venier e Pino Insegno, in diretta dalla piazza di Rimini. Da qui in poi la scalata verso importanti palchi.

Condividi su: