ProgettiAmo Marsala raccoglie 600 firme per Musumeci. Ma le Primarie del centrodestra rischiano di saltare

vincenzofiglioli

ProgettiAmo Marsala raccoglie 600 firme per Musumeci. Ma le Primarie del centrodestra rischiano di saltare

Condividi su:

martedì 28 Marzo 2017 - 07:37
ProgettiAmo Marsala raccoglie 600 firme per Musumeci. Ma le Primarie del centrodestra rischiano di saltare

Rischiano di saltare le primarie del centrodestra in vista delle prossime elezioni regionali. I leader di Forza Italia e Cantiere Popolare in Sicilia, Gianfranco Miccichè e Saverio Romano, hanno infatti comunicato che i rispettivi partiti non hanno presentato alcun candidato per la competizione elettorale che era stata fissata per il prossimo 23 aprile. Una rinuncia, ampiamente annunciata, che potrebbe sancire il definitivo naufragio di questo passaggio politico, che per la prima volta avrebbe visto il centrodestra siciliano scegliere il proprio candidato presidente attraverso le primarie. Allo stato attuale, restano comunque in campo le candidature di Angelo Attaguile (Noi con Salvini), Gaetano Armao (ex assessore di Raffaele Lombardo) e Nello Musumeci (Diventerà Bellissima). Proprio a sostegno di quest’ultimo, come annunciato nelle scorse settimane, il movimento ProgettiAmo Marsala ha condotto una mobilitazione che si è conclusa in questi giorni. “Pur consapevoli dei tentativi di “sabotaggio” di tale strumento democratico che stanno operando alcune forze politiche – spiega il coordinatore comunale Paolo Ruggieri – ProgettiAmo Marsala ha tempestivamente consegnato le sottoscrizioni a sostegno della candidatura dell’onorevole Nello Musumeci ed esprime soddisfazione per il convinto coinvolgimento di tanti marsalesi. Oltre seicento concittadini in pochi giorni hanno firmato, dietro nostro invito, per la candidatura a Presidente dell’On. Musumeci. Noi crediamo che le elezioni primarie siano una opportunità per riavvicinare la gente alla buona politica, quella senza interessi di parte ed a favore della collettività, quella che non si ferma alla protesta ma punta alla proposta”.

Condividi su: