Quattro realtà sportive del territorio sono state insignite del “Premio 91025”

redazione

Quattro realtà sportive del territorio sono state insignite del “Premio 91025”

Condividi su:

Monday 18 July 2016 - 17:27

Ieri sera, presso il ristorante “Zattar – Casale Domè” di contrada Ciavolotto a Marsala, si è svolta la seconda edizione del “Premio 91025”, evento ideato e curato dal gestore del locale nonché presidente dell’associazione “Ciuri” Filippo Peralta. Nella rinnovata edizione di quest’anno, gli organizzatori hanno voluto tributare un riconoscimento a tutte quelle “Eccellenze” lilybetane, non solo sportive, che, in qualche modo, hanno portato in auge il nome di Marsala. Nel segno della continuità, la serata è iniziata con il conferimento del premio a quattro bellissime realtà sportive del territorio.

I primi a salire sul palco, già protagonisti lo scorso anno, sono stati “I Fenici Rugby Marsala”: il padrone di casa Paolo Domè ha consegnato la prima targa al presidente Sigfrido Russo “per l’attività svolta gratuitamente con tantissimi bambini, anche provenienti da ceti disagiati, dando lustro ad uno sport che nasce nei college inglesi come strumento di educazione e formazione degli adolescenti. Con l’auspicio di poter conquistare tante “METE” importanti, non solo in campo”.

Successivamente è stata la volta della giovanissima Sofia Genna, accompagnata dal papà Vito, che è stata premiata dalla straordinaria nuotatrice Giusy Barraco; questa la motivazione per cui la piccola campionessa è stata insignita del premio: “Grazie a Lei il karate marsalese è salito sul tetto del mondo. Ai mondiali di Roma dello scorso mese di febbraio, l’allieva nonché figlia del maestro Vito Genna dello “Shotokan Karate do Club di Marsala”, cintura marrone e prossima alla nera, ha conquistato l’oro ai Mondiali di categoria”.

Particolarmente emozionante è stata la consegna del premio all’ACLI Marsala per i 51 anni di attività. Oltre a ricordare Vito Conticelli, scomparso qualche anno fa ed anime di questa società, è stata gradita la presenza di tantissimi atleti che portano in giro per l’Italia il nome di Capo Boeo. Questa la motivazione: “51 anni di attività per l’ACLI Marsala. La storica associazione sportiva nel suo mezzo secolo di vita ha ottenuto numerosi successi nel campo dell’atletica, ma non solo. L’associazione infatti, ha operato con ottimi successi anche nel tennis tavolo, basket e nella pallamano, disciplina con la quale nel 1975 conquistò la serie C, con l’allora Hanball ACLI Marsala. Ad oggi continua l’attività dell’associazione lilybetana presso lo stadio “Nino Lombardo Amgotta” grazie alla passione ed abnegazione del maestro Andrea Conticelli”.

Infine, prima di passare alle altre categorie, è salito sul palco anche il presidente della Polisportiva Marsala Doc Filippo Struppa per “aver dato lustro alla città di Marsala in occasione della 3° edizione della Maratonina del Vino portando in città quasi 900 atleti provenienti dalla Sicilia e da tante altre Regioni. Altro aspetto da non sottovalutare, per la visibilità data alla nostra città grazie alla partecipazione dei propri tesserati alle più prestigiose Maratone d’Italia e non solo”.

Condividi su: