A Mattarella 7.600 firme per riattivare l’ospedale di Marsala per pazienti non Covid

redazione

A Mattarella 7.600 firme per riattivare l’ospedale di Marsala per pazienti non Covid

Condividi su:

Wednesday 10 August 2022 - 13:25

Nei giorni scorsi l’Associazione Medico Chirurgica Lilybetana – assieme alle altre associazioni coinvolte – hanno inviato al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e alle Istituzioni che si occupano di Sanità, oltre 7.600 firme chiedendo di riavere l’ospedale “Paolo Borsellino” di Marsala funzionante per i pazienti non Covid almeno come prima della pandemia e il completamento anche di una parte del padiglione Covid.

“Una comunità di novantamila abitanti (Marsala-Petrosino) non può continuare a stare senza un ospedale per i pazienti “normali”. Quanti cittadini sono morti e continueranno a morire perché spesso non si trova un posto letto negli ospedali della provincia, non solo in quello di Marsala? Quante persone non si sono sottoposti a screening oncologici perché il servizio è stato interrotto o ridotto? Quante persone hanno avuto rinviato un intervento perché le sale operatorie erano e sono chiuse, scusa Covid, e ancora aspettano di essere chiamate? Quante persone non sono riuscite a sottoporsi a visite o accertamenti diagnostici ambulatoriali per la chiusura della maggior parte di questi? Inoltre per circa 150 abitanti di Marsala, Petrosino e Mazara non c’è un posto letto di rianimazione per pazienti non Covid: fatto gravissimo”, si legge nella nota a firma di Alberto Di Girolamo, presidente dei medici lilybetani associati.

“Il periodo politico che stiamo attraversando è uno dei peggiori della storia della Repubbica italiana, prima la crisi del governo nazionale e da qualche giorno anche di quello regionale, ma la salute non può aspettare, non ha i tempi della politica. Noi continueremo a raccogliere le firme e a farci sentire, fin quando non riavremo il Paolo Borsellino funzionante almeno come prima della pandemia, con servizi e reparti di eccellenza soprattutto di oncologia. Non demorderemo, anche perché stiamo chiedendo solo un diritto previsto dalla Costituzione italiana”, afferma ancora il medico marsalese ed ex sindaco della Città.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Commenta